ECCO I DRONE-SUB: ARRIVANO I ROBOT PER ESPLORARE GLI ABISSI MISSIONI IN PROFONDITA’ A CACCIA DI RELITTI E ANTICHE CIVILTA’ .@SeaDrone2018

Saranno presentati al congresso “Sea Drone Tech Summit 2018” a Gallipoli

Una flotta di droni subacquei si prepara ad esplorare le profondità di mari ed oceani. Si moltiplicano in Italia e nel mondo, infatti, i progetti per la costruzione di sofisticati robot marini, in grado di raggiungere fondali inesplorati e di documentare con telecamere e sensori l’ambiente sommerso, come anche relitti affondati o testimonianze di antiche civiltà. Rover marini telecomandati, ad esempio, sono stati utilizzati recentemente da una nave della Marina Militare per ritrovare il sommergibile “Guglielmotti”, affondato durante la Prima Guerra Mondiale a largo dell’isola di Capraia, o dal CNR per misurare i parametri ambientali sottomarini nelle isole Svalbard nell’Artico norvegese. Tutte le più recenti innovazioni in questo settore saranno presentate al “Sea Drone Tech Summit 2018”, il primo congresso in Italia dedicato ai droni e ai robot per impiego marino e subacqueo, che si svolgerà nei giorni 16 e 17 novembre prossimi a Gallipoli (Lecce). “Queste macchine stanno rivoluzionando le ricerche negli abissi marini e oceanici”, spiega l’organizzatore Luciano Castro. “Basti pensare che solo l’Italia possiede oltre 7mila chilometri di coste e oltre mille siti archeologici sommersi conosciuti. Un patrimonio che andrà esplorato, studiato e tutelato anche grazie a droni e robot capaci di immergersi ed operare a lungo a profondità inaccessibili all’uomo”.

L’impiego in mare di sistemi autonomi o teleguidati si sta diffondendo rapidamente. Possono essere utilizzati, infatti, per il controllo di tubature o strutture sottomarine, per il monitoraggio dell’ecosistema sommerso, per la mappatura dettagliata delle aree portuali e dei fondali e per l’esplorazione di siti archeologici, come imbarcazioni affondate o vestigia di antichi porti o città. Non mancano poi le applicazioni nel settore della sicurezza e del soccorso, ad esempio per fornire dati in caso di naufragi (furono molto utilizzati anche nella tragica vicenda della Costa Concordia), o in campo militare. Oltre che in mare, questi droni e robot posso naturalmente operare pure in altri generi di bacini, ad esempio per il controllo dell’inquinamento dei fiumi, per le verifiche strutturali delle dighe e addirittura per individuare le perdite all’interno di grandi tubature sotterranee per la distribuzione dell’acqua. “Al nostro evento parteciperanno i maggiori esperti italiani in questo settore, tra cui rappresentanti di Forze Armate, Corpi Armati dello Stato, Università, ENEA, CNR e anche molte aziende specializzate”, conferma Castro. “Sarà un vero e proprio summit nazionale, che consentirà di fare il punto su questa nuova tecnologia, di creare nuove partnership e di dare visibilità ad un comparto tecnologico d’eccellenza finora poco conosciuto dalla collettività”.

Il “Sea Drone Tech Summit 2018” è promosso dall’associazione Ifimedia ed organizzato dalla società Mediarkè, in collaborazione con “Roma Drone Campus”. Il congresso ha già ricevuto i patrocini dei ministeri della Difesa e dello Sviluppo Economico, di Regione Puglia, Comune di Gallipoli, CNR, ENEA, Università del Salento e Link Campus University. Il programma prevede venerdì 16 novembre una cerimonia inaugurale con la presenza di istituzioni locali e nazionali, a cui seguiranno tre sessioni: la prima sarà dedicata a droni e robot sottomarini, la seconda ai droni navali di superficie, mentre la terza ai droni aerei per impieghi marini. Si svolgeranno anche dimostrazioni operative dei vari mezzi in vasca e in mare, quest’ultime sabato 17 presso il Circolo della Vela di Gallipoli. Per la parte congressuale, relatori e partecipanti saranno ospitati presso l’Ecoresort Le Sirenè e l’hotel Bellavista Club, prestigiose strutture alberghiere gallipoline del gruppo Caroli Hotels, official supplier dell’evento. La partecipazione è gratuita ed è riservata ai professionisti del settore, previa registrazione online su www.seadrone.it.

Roma, 15 ottobre 2018 

Sea Drone Tech Summit 2018 – Ufficio Stampa Mediarkè

Annunci

Drone Mavic 2, DJI attiva sensori laterali evitamento ostacoli per i QuickShots .@Quadricottero

Ecco le release note del nuovo firmware rilasciato l’ 11 ottobre per il drone DJI Mavic 2 sia PRO che ZOOM.
La DJI oggi ha iniziato a mettere una “pezza” ad una mancata funzionalità che invece in molti pensavano ci fosse sul nuovo drone Mavic 2 lanciato a fine agosto. Si tratta dei sensori laterali evitamento ostacoli che fino ad oggi funzionavano soltanto in tripod mode e in active track (guarda il nostro video di prova: DJI Mavic 2 incredibile, con ActiveTrack vola in mezzo ai rami).
Con l’aggiornamento firmware V01.00.01.00 la DJI ha attivato i sensori laterali evitamento ostacoli per le sottomodalità QuickShot: Circle, Helix, e Boomerang sia per il Mavic 2 Pro che per lo Zoom. Non è ancora possibile rilevare un ostacolo lateralmente mentre si conduce…
Da @Quadricottero di Danilo Scarato – 11.10.2018
Si parla di: DJI, Mavic 2, sensori, anti collisione, sense and avoid, evitare ostacoli con drone QuickShots

Parte la missione salvavita del drone tutto isernino #primopianomolise

Il progetto realizzato dai due professionisti Andrea Cannas e Giuseppe Tortora ha compiuto il primo volo sulla città di Pisa. Tanti ospedali sono già interessati al macchinario che trasporta sangue

Ha iniziato a volare il drone salvavita ideato e realizzato dai due professionisti isernini Andrea Cannas e Giuseppe Tortora. Il progetto, che esattamente un anno fa vinse il primo premio del concorso nazionale ‘#NatiPer’, indetto da Axa assicurazioni, sta riscuotendo l’attenzione dei media nazionali per la sua alta valenza sociale. Ieri a Pisa l’architetto e l’ingegnere di Isernia, fondatori della società ABZERO (un nome scelto non a caso, considerando la finalità del drone), hanno proceduto al primo volo dimostrativo radiocomandato. Il drone che trasporta sangue ha viaggiato sull’Arno sotto lo sguardo di decine di telecamere e di giornalisti. Oltre a una grande folla di curiosi, di esperti del settore e …

Da #primopianomolise di Ppm — 11 ottobre 2018

LEGGI TUTTO su PRIMO PIANO MOLISE

Si parla di: ABZERO, drone trasporto sangue, trasfusioni, sacche, delivery drone, cargo, Pisa, Axa Assicurazioni

Serve il patentino per guidare i droni? Facciamo un po’ di chiarezza .@fotodigitali

“È la domanda che tutti si fanno: ‘Serve il patentino per far volare un drone?’ In questo articolo analizziamo la differenza tra ‘SAPR’ (Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto) e gli Aeromodelli. I primi richiedono il patentino e molti dei più diffusi droni e multicotteri rientrano proprio in questa categoria”
Leggendo il titolo dell’articolo il mio istruttore di volo avrà già da bacchettarmi. Il termine corretto non è patentino, ma ‘Attestato di Pilota APR’. A tutti è però noto come patentino per i droni. E la domanda che tutti si fanno è: ‘Serve il patentino per guidare un drone?’
La risposta, come spesso accade, è: ‘Dipende’. In particolare, dipende dalla categoria sotto cui ricade il velivolo: è essa a determinare se serva o meno l’attestato. C’è un gran discutere attorno a questo tema e in particolare alla categorizzazione degli apparecchi. Le due grandi categorie sono quelle dei ‘SAPR’ (Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto) e gli Aeromodelli. I primi richiedono l’attestato pilota sopra i 300 grammi di peso, i secondi no. Entrambi si guidano con un radiocomando, ma …
Da @fotodigitali di Roberto Colombo –  11 Ottobre 2018
Si parla di: regole, patentino, volare con drone, scattare foto, aerofotografia, fotografia aerea, pilota di apr, enac

Swatch è main partner della Drone Racing League .@DronEzine

Con un video pieno di coloratissime e luminose evoluzioni nel buio ad alta velocità, pubblicato sul suo canale Youtube, il popolare brand di orologi Swatch ha annunciato la sua collaborazione con Drone Racing League, il primo torneo mondiale di drone racing in fpv che vedrà presto svolgersi in Arabia Saudita (il prossimo primo novembre) le finali dei 10 migliori piloti del mondo.

Swatch ha anche creato sul suo sito una sezione appositamente dedicata all’incontro dei suoi orologi con il mondo dell’fpv (e quindi dei droni). In questa pagina https://www.swatch.com/it_it/timetofly/, infatti, si trovano anche dei …

Da @DronEzine di Edoardo Sorani – 10.10.2018

LEGGI TUTTO su DRONEZINE

Si parla di: Drone race, fpv, firse person view, swatch, orologi, moda, design, gare, competizione, DRL

Le architetture droniche di Stéphanie Chaltiel – #mirumir

In una sua recente intervista rilasciata alla rivista online domusweb, la Chaltiel ha raccontato le sue ultime e significative sperimentazioni nella costruzione in terra con i droni.

Negli ultimi anni, infatti, l’architetta francese ha cominciato a sperimentare le potenzialità offerte dai droni per sviluppare un nuovo metodo di costruzione in terra che li vede protagonisti. La ricerca portata avanti negli ultimi anni mira a utilizzare droni muniti di tubi e diffusori spray per applicare biomateriali (e non cemento) su strutture leggere. La tecnica, rivoluzionaria, ridefinisce anche gli standard per una nuova estetica.

L’idea della Chaltiel è quella di utilizzare scheletri facilmente montabili – cupole geodetiche, gusci a griglia, tessuti tesi su archi o gonfiabili – che poi vengono rivestiti con materiali naturali dai droni-spray seguendo una sequenza in cui ogni miscela contiene ingredienti diversi e un tempo di asciugatura da rispettare. La fase di spruzzatura consente il rivestimento di una struttura di 50 mq con uno spesso strato di materiale in soli 15 minuti.

Gli ambiti di utilizzo di questa nuova tecnica di costruzione sono…

Da #mirumir – 04.10.2018

LEGGI TUTTO su MIRUMIR Fiere & Congressi

Si parla di: architettura, abitazioni sostenibili, costruire, costruzioni, biomateriali

SETTIMO. Droni tra le nuvole, piedi per terra .@LaVoceRedazione

Il sindaco di Torino, Chiara Appendino, e il suo assessore all’innovazione, Paola Pisano, hanno visitato l’istituto Galileo Ferraris di Settimo, uno dei fiori all’occhiello dell’istruzione locale. Giovedì mattina, 4 ottobre, a fare gli onori di casa c’erano il sindaco Fabrizio Puppo e il vice sindaco e assessore all’istruzione Silvia Favetta.

“Questa è una scuola – ha spiegato la preside Silvia Viscomi – che ha quasi il 100% di occupati tra gli studenti che dopo essersi diplomati cercano lavoro. In questa scuola ho visto una grande passione da parte di studenti e insegnanti. Abbiamo grandi sponsorizzazioni e convenzioni che fanno di questa scuola una risorsa importante”.

L’istituto è protagonista del progetto “TecnicaMente” che ha l’obiettivo di favorire l’incontro tra …

Da @LaVoceRedazione di Mattia Aimola – 10.10.2018

LEGGI TUTTO su LA VOCE

Si parla di: formazione, didattica, imparare a costruire droni, propedeutica, istruzione, giovani, lavoro, futuro, Torino, Appendino

A Piacenza droni come strumento di sicurezza e di trasporto ospedaliero .@ilpiacenza

Presentato “Rescue drones network”, un evento di rilevanza nazionale per far capire quali sono le potenzialità dei droni e i loro possibili utilizzi in vari ambiti. La manifestazione si terrà sabato 13 ottobre

Nella mattinata di mercoledì 10 ottobre è stato presentato il progetto “Rescue drones network”, un evento di rilevanza nazionale per far capire a cittadini, amministratori e tecnici quali sono le potenzialità dei droni e i loro possibili utilizzi in vari ambiti. La manifestazione, che si terrà sabato 13 ottobre, vedrà inoltre la costituzione ufficiale dell’accordo con la Provincia.

«Sabato Piacenza diventerà la capitale dell’innovazione tecnologica, con la possibilità di sviluppi futuri di queste tecnologie ancora solo parzialmente conosciute» ha esordito il presidente della Provincia, Francesco Rolleri.

«Nel campo della protezione civile, ad esempio in situazioni di emergenza, l’utilizzo di un drone può…

Da @ilpiacenza di Viola Sturaro – 10.10.2018

LEGGI TUTTO su IL PIACENZA

Si parla di: sicurezza, protezione civile, emergenze, innovazione tecnologica

Agricoltura di precisione: impatto e opportunità dell’utilizzo del drone .@agronotizie

Il convegno, organizzato dall’Associazione dottori in scienze agrarie e forestali della provincia di Bologna, si terrà a Tebano, Faenza (Ra), lunedì 15 ottobre 2018

A Tebano, Faenza (Ra), il prossimo lunedì 15 ottobre si terrà il convegno “Agricoltura di precisione, impatto economico ed ambientale e opportunità di utilizzo del drone in agricoltura”. L’evento, organizzato dall’Associazione dottori in scienze agrarie e forestali della provincia di Bologna, è in programma alle 10.00 nella Biblioteca della palazzina laboratori del Polo di Tebano, in via Tebano n 45…

Da @agronotizie – 09.10.2018

LEGGI TUTTO su AGRONOTIZIE

Si parla di: agricoltura di precisione, precision farming, convegno, eventi sui droni, Faenza, utilizzo del drone in agricoltura

Le idee anti-crolli: incentivi ai restauri e controlli con droni .@GiornaleVicenza

Un piano per mettere in sicurezza il centro storico, se necessario anche facendo alzare in volo dei droni affinché controllino i tetti. E un programma di incentivi economici per evitare che situazioni come quella di martedì, quando un tetto in via Matteotti è crollato sui turisti, possano ripetersi. Quanto avvenuto l’altro giorno ha reso febbrile l’attività dell’ufficio urbanistica del Comune, che su impulso del neoassessore alla pianificazione Chiara Nichele sta cercando di districarsi tra la necessità di tutelare il patrimonio storico e architettonico del centro e l’esigenza di renderlo sicuro per i cittadini. La stessa riunione di Giunta svolta dopo il crollo non ha potuto fare a meno di inserire …

Da .@GiornaleVicenza di Enrico Saretta – 05.10.2018

LEGGI TUTTO su IL GIORNALE DI VICENZA

Si parla di: centro storico, monitoraggio luoghi, controlli strutturali, edifici, palazzi