Processo d’appello per Bossetti. Le riprese da un drone potrebbero svelare nuove verità

@ilgiornale #Bossetti, via al #processo d’ #appello. La #difesa #punta sulle #foto dal #drone

Un mese prima della scoperta il corpo della ragazza non c’era”

Sentenza oppure ordinanza con la riapertura del processo attraverso una nuova perizia sul Dna.

Sono questi gli scenari possibili del processo che si apre oggi davanti alla Corte d’Assise di Brescia per Massimo Bossetti, il carpentiere di Mapello condannato il 30 giugno dell’anno scorso all’ergastolo per aver ucciso Yara Gambirasio.

Lui è fiducioso: «Ora avrò finalmente giustizia».

La difesa punta tra l’altro su immagini dall’alto riprese da un drone che potrebbero svelare nuove verità e tempistiche sulla scena del crimine: cioè il campo in cui fu ritrovato il corpo della 13enne. Le immagini proverebbero infatti che un mese prima, in quel campo, il cadavere non c’era. Yara venne rapita il 26 novembre del 2010 fuori dalla palestra di via Locatelli a Brembate Sopra e trovata senza vita tre mesi esatti dopo, il 26 febbraio del 2011, in un …

Da @ilgiornale – 30.06.2017

LEGGI TUTTO su IL GIORNALE.it

Si parla di: Processo d’appello per Bossetti, riprese da un drone, svelare nuove verità, riprese video, aerofotografia, fotografia aerea, monitoraggio luoghi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...