Camere multispettrali a confronto su droni per i vigneti del Chianti classico in Toscana .@rivistageomedia

Nell’estate del 2017 Zephyr e DroneBee hanno svolto insieme alcune sperimentazioni con APR (Aeromobili a Pilotaggio Remoto) sui vigneti dell’azienda agricola Savignola Paolina nel Chianti Classico, in Toscana.
I test avevano l’obiettivo di valutare e di mettere a confronto la qualità dei dati forniti dalle camere multispettrali Parrot Sequoia e Mapir Survey2.
Le camere multispettrali acquisiscono separatamente diverse bande nello spettro della luce e misurando opportune caratteristiche di riflettanza della vegetazione nelle diverse bande, è possibile calcolare particolari indici vegetativi, quali NDVI (Normalized Index Vegetation Index) o SAVI (Soil Adjusted Vegetation Index), che danno informazioni funzionali sullo stato di salute delle piante. L’andamento degli indici è poi visionabile dall’agronomo attraverso le cosiddette “mappe di vigore” generate in post-processing con appositi software.
In questo test sono state provate le camere  Sequoia e Mapir che hanno differenze tecnologiche sostanziali che determinano pratiche diverse per un loro corretto utilizzo sul campo.
Come prima differenza sostanziale, le Mapir registrano …
Da @rivistageomedia – 27.02.2018
SI parla di: analisi multispettrali, camere, fotocamere, rilievi, agricoltura, viticoltura di precisione, precisione farming, sequoia, mapir, parrot
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.