#Droni e algoritmi riconoscono la violenza al colpo d’occhio .@ictBusinessIT

Il timore che l’intelligenza artificiale possa diventare uno strumento di morte esiste, inutile negarlo.

Alla quella che un tempo era la corsa agli armamenti ora si è sostituita, nella strategie militari degli Stati, una corsa all’algoritmo, al robot-soldato, al drone equipaggiato con capacità di analytics video che gli permettono di riconoscere un oggetto a distanza. Google ha scelto di uscire dall’ambiguità prima che fosse tardi, scegliendo di non rinnovare l’impegno in Project Maven ma senza rinunciare ad altre collaborazioni con governi e forze militari, come sottolineato…

Da @ictBusinessIT di Valentina Bernocco – 09 giugno 2018

LEGGI TUTTO SU ICT BUSINESS

Si parla di: intelligenza artificiale, droni, combattere, violenza, deep learning, algoritmo di apprendimento automatico

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.