Le architetture droniche di Stéphanie Chaltiel – #mirumir

In una sua recente intervista rilasciata alla rivista online domusweb, la Chaltiel ha raccontato le sue ultime e significative sperimentazioni nella costruzione in terra con i droni.

Negli ultimi anni, infatti, l’architetta francese ha cominciato a sperimentare le potenzialità offerte dai droni per sviluppare un nuovo metodo di costruzione in terra che li vede protagonisti. La ricerca portata avanti negli ultimi anni mira a utilizzare droni muniti di tubi e diffusori spray per applicare biomateriali (e non cemento) su strutture leggere. La tecnica, rivoluzionaria, ridefinisce anche gli standard per una nuova estetica.

L’idea della Chaltiel è quella di utilizzare scheletri facilmente montabili – cupole geodetiche, gusci a griglia, tessuti tesi su archi o gonfiabili – che poi vengono rivestiti con materiali naturali dai droni-spray seguendo una sequenza in cui ogni miscela contiene ingredienti diversi e un tempo di asciugatura da rispettare. La fase di spruzzatura consente il rivestimento di una struttura di 50 mq con uno spesso strato di materiale in soli 15 minuti.

Gli ambiti di utilizzo di questa nuova tecnica di costruzione sono…

Da #mirumir – 04.10.2018

LEGGI TUTTO su MIRUMIR Fiere & Congressi

Si parla di: architettura, abitazioni sostenibili, costruire, costruzioni, biomateriali

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.