AIRBUS HELICOPTERS TESTA LA NUOVA TECNOLOGIA MUM-T .@MD80it

Il Manned Unmanned Teaming (MUM-T) moltiplica le capacità di elicotteri e unmanned aerial systems. Controllando i droni dall’aria, gli equipaggi possono esplorare aree difficili da raggiungere e espandere significativamente le capacità di osservazione.

“Moltiplica le capacità di entrambi i sistemi”, afferma Mark Henning, H145 Programme Manager at Airbus Helicopters. “Gli UAS non solo possono ampliare le aree di ricerca, ma anche accedere alle aree che un elicottero potrebbe trovare difficili. Sono in grado di esplorare…

Da @MD80it – Ufficio Stampa Airbus – 17.09.2018

LEGGI TUTTO su MD80.it

Sito web Airbus elicottero MUM-T

Si parla di: elicotteri unmanned, sistemi aeromobili a pilotaggio remoto, sicurezza, monitoraggio luoghi,

Annunci

I droni della CRI volano in alto alla Festa degli Angeli a Casalecchio .@DronEzine

Non mancano di droni della Croce Rossa sezione di Bologna alla Festa degli Angeli terminata  domenica 16 a Casalecchio di Reno.

Angeli non solo con le ali quelli presenti all’evento cittadino organizzato dal Comune e giunto oramai alla sua IV edizione. Mezzi terrestri, anfibi, fuoristrada iper attrezzati, persino un robot militare oltre ai droni; tutto visibile e volendo anche toccabile con mano.

Casalecchio di Reno 16 settembre 2018 – Polizia di Stato, Carabinieri, Vigili del Fuoco, Protezione Civile, Polizia Locale, Guardia di Finanza, Esercito, ecco gli uomini che …

Da @DronEzine di Stefano Orsi – 17.09.2018

LEGGI TUTTO su DRONEZINE

Si parla di: Croce Rossa Italiana, droni,  DJI Phantom 4, DJI Matrice 600, telecamera con zoom ottico, camera termica

Droni per salvare i ponti: a un mese dal crollo di Genova esplode l’interesse per le ispezioni volanti .@DronEzine

Mentre a Piacenza partono le sperimentazioni sul campo per affiancare i droni alla rosa di strumenti in mano agli ingegneri incaricati di verifiche e manutenzione dei ponti, di droni per salvare i ponti se ne è parlato in un convegno organizzato da Mirumir (Dronitaly) nella sede ANCI di Milano. Tra i relatori il professor Gianpaolo Rosati, uno dei tre periti incaricati dal Tribunale di Genova per le perizie sul Ponte Morandi.
I droni avrebbero potuto dare l’allarme per tempo e evitare le vittime del crollo del viadotto Morandi? La domanda è rimasta senza una risposta, nessuno dei convenuti alla sede milanese dell’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (tra cui le associazioni di settore Assorpas e Fiapr, ospite speciale il prof. Gianpaolo Rosati, del Dipartimento di Ingegneria Civile ed ambientale del Politecnico di Milano, uno dei tre periti incaricati dal…
Da @DronEzine di Luca Masali – 15.09.2018
Gilet ad alta visibilità, casco di protezione e segnaletica prodotta da achrom – disponibile su http://www.dronefly.shop
Si parla di: monitoraggio luoghi, controllo infrastrutture, ponti, viadotti, verifiche strutturali, ponte morandi, genova, ispezioni con droni

Mille foto e sette ore di volo del drone sulla cupola di Santa Margherita .@tusciaweb

Mille foto e sette ore di volo del drone. Questi i numeri dell’intervento di ieri della squadra Sapr (sistemi aeromobili a pilotaggio remoto) dei vigili del fuoco del comando di Roma con l’utilizzo di due droni per controllare nei minimi dettagli la cupola di Santa Margherita.
Nella giornata di ieri la squadra Sapr, chiamata dai vigili del fuoco di Viterbo, ha ispezionato, sia internamente che esternamente, la seicentesca cupola della basilica.
Sono state scattate circa mille foto nelle sette ore di volo dei robot durante tutto l’arco…
Da @tusciaweb di Michele Mari – 12.09.2018
Si parla di: Vigili del Fuoco, aerofotografia, fotografia aerea, ispezione, sopralluogo, monitoraggio luoghi, controllo strutture, infrastrutture, Viterbo, basilica

Drone Rescue Days. L’evento sui droni per la ricerca dei dispersi in ambito civile.

29-30 settembre 2018 – Parco San Donato di Novoli, Firenze

Firenze – 14.09.2019 Drone Rescue Day, l’evento dedicato ai droni professionali impiegati nella ricerca dei dispersi in ambito civile. Si svolgerà il 29 e 30 settembre 2018 all’interno del “Florence Fun & Japan 2018” in un area di circa 50.000 mq appositamente allestita nel Parco San Donato di Novoli a Firenze.

Lo scopo dell’evento è quello di sensibilizzare la popolazione sulle reali potenzialità degli aeromobili a pilotaggio remoto cercando di mettere in evidenza la differenza tra un drone giocattolo (Aeromodello) e un mezzo professionale (Sistema Aeromobile a Pilotaggio Remoto) attraverso la presentazione al pubblico dei SAPR configurati per il soccorso, durante alcune simulazioni di intervento in programma al Drone Rescue Day.

Droni come strumenti di lavoro estremamente utili e indispensabili, sempre più impiegati anche in ambiti di protezione civile per la prevenzione dei disastri e delle calamità naturali, nel soccorso, nel rilievo e nel monitoraggio degli edifici e delle infrastrutture strategiche come ponti, dighe, strade, autostrade, elettrodotti, viadotti e ferrovie.

Questo evento offrirà inoltre, a tutti i professionisti e appassionati del settore, un’occasione di incontro e di confronto sulle normative vigenti e sui nuovi settori d’impiego dei SAPR con degli incontri ad entrata libera promossi da Giuseppe Ramalli, istruttore, pilota e fondatore del centro di addestramento Etruria Volo di Castiglion fiorentino (AR), che oltre ad essere il conduttore degli interventi, opererà con la sua flotta di droni configurati per la ricerca di persone.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Sarà presente anche il Dott. Fabrizio Niglio, direttore delle unità di Immunoematologia e Trasfusione a Pontedera, che con questa importante frase; “Un mezzo che porti il sangue dove serve in modo semplice e veloce, è un progetto semplicemente rivoluzionario”, ha sancito l’inizio di una nuova era per i droni nell’ambito del soccorso, con il progetto ABZERO.

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’idea di progetto prevede la realizzazione di un drone dedicato per l’approvvigionamento, il trasporto e lo spostamento in emergenza di sangue, emoderivati, medicinali o attrezzature tra strutture sanitarie in orari 24 ore al giorno e 7 giorni su 7, sul corto e medio raggio (fino a 40 km). Il drone sarà completamente automatizzato nel decollo, nella percorrenza e nell’atterraggio. Si potranno gestire e controllare tutte le operazioni da un’app. Il drone permetterà di ridurre i tempi di trasporto fino all’80% sulle brevi distanze (10/15 km) e oltre al 50% sulle medie distanze (30/40km). Il drone ABZERO-X© sarà sicuro e assicurerà un trasporto veloce, efficiente e preciso e sarà dotato di sistemi di sicurezza come il paracadute in caso di avaria. “Ha colpito tutti la possibilità di raggiungere rapidamente luoghi difficili mantenendo la sicurezza della conservazione del sangue e delle piastrine” un servizio quindi in “rapidità e sicurezza”.

Sarà allestita nel parco San Donato di Novoli a Firenze, un’area operativa con un campo base, un gruppo cinofilo, un gruppo di soccorso in corda, un PMA (Punto Medico Avanzato) operativo e un’esposizione di alcuni mezzi di soccorso, tutto gentilmente concesso dalla Misericordia di Firenze che insieme a Massimo Serravalli, provveditore della Misericordia di Rifredi, hanno creduto in questo progetto.

La stessa Misericordia organizzerà delle stazioni di dimostrazione pratica di BLSD, (Basic Life Support and Defibrillation), primo soccorso con l’impiego di defibrillatore semiautomatico e la Coordinamento Fiorentino delle Misericordie metterà in campo il progetto “ASSO”, una scuola di soccorso dedicata agli studenti di ogni ordine e grado.

Una due giorni dedicata al poco conosciuto mondo del soccorso, aperta a tutti i cittadini che volessero saperne di più, con postazioni di osservazione delle operazioni che saranno effettuate, personale volontario disponibile a rispondere a domande e incontri rivolti a professionisti, studenti o semplicemente a chi vorrà saperne di più.

Ideatore e organizzatore responsabile dell’evento:
Simone Vignoli
E’ stato soccorritore presso la Misericordia di Empoli e operatore volontario di protezione civile.

Contatti:
Tel. 3927673613
E-Mail: info@dronerescuedays.it
Facebook: https://www.facebook.com/Drone-Rescue-Days

Partners dell’evento:

 

 

In un video i soccorsi dei vigili del fuoco savonesi sul Ponte Morandi .@ilsecoloxix

Oltre 100 vigili del fuoco, 6 funzionari, 45 squadre, 36 automezzi. Questi i numeri relativi al Comando provinciale dei vigili del fuoco di Savona che, il mese scorso, ha partecipato ai soccorsi in seguito al tragico crollo del Ponte Morandi di Genova.
Cifre che, però, sono diventate volti, storie, emozioni e immagini, durante la serata di venerdì 7 settembre all’Auditorium di Santa Caterina di Finalborgo, nell’entroterra di Finale Ligure. “Per non dimenticare”, il titolo dell’evento, nello stesso giorno della presentazione del progetto del nuovo ponte da parte di Renzo Piano.
Una manifestazione organizzata dall’associazione finalese E20…
Si parla di: Ponte Morandi, Genova, protezione civile, vigili del fuoco, droni, monitoraggio, controllo territorio, verifiche strutturali,

BENI CULTURALI: DRONI E SATELLITI CONTRO IL PERICOLO CROLLI. AL “TFA 2018” LA NUOVA BANCA DATI PER LA MANUTENZIONE

Dal 3 ottobre all’ISA il 5° Forum sull’innovazione tecnologica per il territorio e l’ambiente

Il patrimonio culturale italiano sarà difeso anche dal cielo. I dati raccolti da satelliti e droni, integrati con quelli già presenti nella Carta del Rischio, potranno fornire infatti preziose informazioni per il monitoraggio e la manutenzione programmata di edifici storici, chiese, siti archeologici e proprietà architettoniche vincolate, riducendo il pericolo di crolli che, come successo anche di recente, sempre più spesso colpiscono costruzioni di elevato pregio artistico e culturale. Sarebbe così possibile implementare meglio la “Banca dati del Rischio”, che, grazie a specifici algoritmi già disponibili, indichi il livello di vulnerabilità di ciascun sito, consentendo alle amministrazioni di pianificare per tempo gli interventi partendo dalle strutture più a rischio. Sarà questo uno dei temi al centro di “Technology for All 2018”, quinta edizione del forum dedicato all’innovazione tecnologica per il territorio e l’ambiente, i beni culturali e le smart city. L’evento si svolgerà a Roma dal 3 al 5 ottobre prossimi presso l’Istituto Superiore Antincendi (ISA), la scuola di alta qualificazione del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.

L’utilizzo di questa banca dati, basata sui sistemi informativi del Ministero dei Beni Culturali (Carta del Rischio, Vincoli in Rete, ecc.), può anche essere utilissima per le squadre di soccorso che intervengono in seguito a catastrofi naturali per recuperare e verificare lo stato di salute dei beni culturali. “Il sistema fornisce elenchi di beni mobili e immobili delle zone colpite dai disastri, attraverso i quali avviene il riconoscimento immediato del bene con relativo numero di catalogo, che consente di poterli gestire attraverso azioni di recupero o intervento mirate”, spiega Carlo Cacace, direttore del Servizio Sistemi Informativi Automatizzati presso l’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro del Ministero dei Beni Culturali, in un’intervista pubblicata sull’ultimo numero della rivista Archeomatica. “Questo protocollo di intervento, che migliora non solo la fase emergenziale di recupero ma anche quella post-emergenziale, si compone di alcune fasi specifiche: recupero del bene e fase di schedatura delle informazioni principali (posizione, stato di salute, ecc.), collocazione all’interno di un deposito di emergenza, conclusione della fase di schedatura, realizzazione dell’intervento di restauro vero e proprio e, infine, ricollocazione nel luogo di provenienza”.

Il programma di “Technology for All 2018” si aprirà mercoledì 3 ottobre con un “workshop sul campo” in un’importante zona archeologica Roma, che vedrà l’utilizzo di droni e sensori per riprese LIDAR (Laser Imaging Detection and Ranging). Saranno anche presentati gli ultimi sistemi GNSS (Global Navigation Satellite System), laser scanner, georadar e molti altri ancora. Giovedì 4 presso l’ISA si svolgerà invece il convegno inaugurale, sul tema “Nuove tecnologie per il monitoraggio e la sicurezza delle infrastrutture e del territorio”, con gli interventi di rappresentanti istituzionali e di esperti di Enti di ricerca, aziende specializzate e associazioni di categoria. Seguirà una due giorni di sessioni dedicate alle più recenti tecnologie per il territorio, i beni culturali e le smart city: tra l’altro, si parlerà di geoinformazione e analisi geospaziale, realtà virtuale e aumentata, droni per l’aerofotogrammetria, imaging con sensori iperspettrali, sistemi per il BIM (Building Information Modeling), tecnologie italiane per le smart city e il PNT (Positioning Navigation & Timing). Prevista anche la presentazione delle rilevazioni nell’area archeologica, una serie di seminari e conferenze organizzati dalle aziende espositrici e attività dimostrative di nuovi sistemi e software. La partecipazione è gratuita, previa registrazione online su www.technologyforall.it.Roma, 10 settembre 2018

Ufficio Stampa Mediarkè

La devastazione del museo di Rio vista dal drone .@RaiNews

Nelle sue decine di sale il museo conteneva oltre 2 milioni di reperti tra cui un fossile di Homo Sapiens, “Luzia”, vissuto 13 mila anni fa

Queste immagini realizzate con un drone mostrano dall’alto la devastazione provocata dal grave incendio che ha colpito ieri il Museo Nazionale di Rio de Janeiro, il più antico del Brasile e una delle più prestigiose istituzioni di storia naturale ed antropologia delle Americhe. L’ex direttore del museo, Josè Perez Pombal, aveva dichiarato che “non resterà nulla”. “Non ci sarà più niente, le fiamme sono così alte e il fuoco è ovunque, il palazzo brucerà tutto e anche le…

Da @RaiNews 04.09.2018

LEGGI TUTTO su RAI NEWS

Si parla di: riprese aeree con drone, aerofotografia, monitoraggio luoghi, controllo territorio, verifiche strutturali, Museo Nazionale di Rio de Janeiro

#Drone con termocamera dei Vigili del Fuoco di Trento individua donna dispersa .@DronEzine

L’avventura finita bene per fortuna, è iniziata mercoledi 11 luglio alle 23 circa con un telefonata al 112 che poi è stata dirottata al 115 dei Vigili del Fuoco.
Non si trovavano più le tracce di una giovane donna di trenta anni, che era scomparsa dopo un litigio con il suo fidanzato.

La coppia alloggiava in uno chalet a Val di Tovel e i due erano usciti per una escursione, ma dopo una diverbio hanno intrapreso strade diverse. In tarda serata il fidanzato ha lanciato l’allarme telefonando ai Carabinieri che a loro volta hanno richiesto l’intervento dei Vigili del Fuoco.

Il Corpo dei Vigili del Fuoco di Trento con i loro reparti SAF (gruppo soccorsi speciali) e SAPR(Servizio Aeromobili a Pilotaggio Remoto) sono partiti …

Da @DronEzine di Stefano Orsi – 13.07.2018

LEGGI TUTTO su DRONEZINE

 

 

Si parla di: ricerca dispersi, protezione civile, termocamere, telecamere termiche, soccorritori, donna scomparsa, vigili del fuoco

#Drone salvavita, in Valdisusa il defibrillatore arriva dal cielo .@virgilio_it

Droni salvavita, che arrivano velocemente per via aerea a portare medicine essenziali nei luoghi più angusti. Un aiuto dal cielo che all’occorrenza possa fornire un prezioso defibrillatore lì dove un cuore si è fermato e necessità di immediato supporto per ripartire.

La sperimentazione del soccorso via drone inizia a Bardonecchia, comune di poco più di 3.000 anime della Val di Susa, dove il prezioso strumento per rianimare le persone arriverà velocemente dall’alto.

La sinergia tra il Comune, l’Elisoccorso 118 e l’onlus Amici del Cuore Piemonte intende concretizzare il nuovo eccezionale servizio quanto prima e tramutare in realtà, anche qui in Italia, ciò che in America è già …

Da @virgilio_it

LEGGI TUTTO su INITALIA – VIRGILIO.it

Si parla di: drone per emergenze mediche, defibrillatore, trasporto, sanità, sicurezza, assistenza medica, val di susa