La SWAT di Los Angeles con un drone DJI SPARK per stanare un rapinatore barricato in casa (Video) .@Quadricottero

A dispetto di quanto si possa pensare i piccoli droni consumer da poche centinaia di euro vengono usati anche dalle forze speciali della Polizia.
Pochi giorni fa per la prima volta la Polizia di Los Angeles ha utilizzato un drone durante un’operazione speciale condotta al fine di catturare un uomo sospettato di una rapina a mano armata barricato in casa. In realtà la SWAT della LAPD ha ricevuto da tempo 4 droni e il relativo addestramento per pilotarli, tuttavia le proteste degli attivisti per la tutela…
Da @Quadricottero di Danilo Scarato – 17.01.2019
Si parla di: SWAT, USA, operazioni di polizia, anticrimine, Los Angeles, controllo, DJI
Annunci

Droni DJI autorizzati a sorvolare la folla grazie al nuovo paracadute balistico .@TomsHWItalia

Per ovvi motivi di sicurezza, la maggior parte dei droni destinati ad uso commerciale o personale non sono autorizzati a sorvolare luoghi affollati.

Presto però quelli prodotti da DJI potranno farlo. Perché? Perché saranno dotati dell’Indemnis Nexus, un paracadute balistico ad espulsione rapida, espressamente sviluppato a questo scopo. Ovviamente serviranno anche le indispensabili autorizzazioni delle singole autorità nazionali preposte (in Italia è l’ENAC, Ente nazionale per l’aviazione civile).

Indemnis infatti è un’azienda specializzata in soluzioni di questo tipo, che …

Da @TomsHWItalia di Alessandro Crea – 10 gennaio 2019

LEGGI TUTTO su TOM’S HARDWARE ITALIA

Si parla di: paracadute balistico per droni, sicurezza, aree congestionate, area critica, ENAC, caduta, precipitare

Annunciata l’ottica Laowa 9 mm F2.8 per droni DJI .@fotodigitali

Venus Optics ha annunciato la nuova ottica Laowa 9 mm f/2.8 per droni DJI che consente di superare i limiti della precedente soluzione proposta da DJI. Il costo non è eccessivamente elevato mentre le prestazioni sono interessanti.
Venus Optics ha annunciato la nuova ottica Laoya 9 mm f/2.8 DL Zero-D dedicata ai droni DJI (Inspire 2) e alle soluzioni della serie DJI X7. L’obiettivo utilizza soluzioni simili alle altre ottiche per Fujifilm, Sony e Canon permettendo però di avere un campo di visione decisamente ampio e una …
Da @fotodigitali di Mattia Speroni – 08 Gennaio 2019
Si parla di: ottiche, DJI X7, Venus Optics, Laowa,

Accordo DJI e Politecnico: collaborazione nel settore tecnologico dei “droni” .@PoliTOnews

Sancita ufficialmente la collaborazione tra Politecnico di Torino e DJI, azienda operante nel settore dei droni civili e della tecnologia delle immagini aeree: è stato firmato il protocollo d’intesa tra i due enti.

L’accordo rientra nel campo dell’istruzione e della ricerca: l’Ateneo e l’impresa lavoreranno insieme per impostare gli standard didattici dell’apprendimento per l’utilizzo di questa tecnologia, includendo lo studio delle best practices per l’attività professionale, e collaboreranno nell’impiego di componenti personalizzabili per le nuove soluzioni di droni commerciali.

Il Politecnico di Torino è entrato in contatto con la tecnologia dei droni nel 2006 ed è oggi uno tra i primi atenei in Europa ad offrire un programma didattico onnicomprensivo per l’impiego dei droni a scopo professionalizzante. Proposto nel 2017 da…

Da @PoliTOnews – 05.12.2018

LEGGI TUTTO su POLIFLASH

Si parla di: ricerca, sviluppo, formazione, innovazione, università, Politecnico di Tornino, DJI

Trasporto di organi tramite drone, test mostra che si può fare .@Notiziescientif

Il problema relativo al trasporto degli organi da una struttura ospedaliera è una sfida che molti addetti ai lavori affrontano quotidianamente: si tratta di una questione cruciale per non rendere inutile l’atto di donazione.

Attualmente vi sono poche opzioni per il trasporto degli organi e, su lunghe distanze, esso dipende da particolari processi e da aerei perlopiù commerciali i quali dipendono a loro volta da orari e da modelli di traffico. Al di là dei costi è il tempo ad essere un fattore cruciale in quanto gli organi sono molto sensibili sotto questo punto di vista.

Varie sperimentazioni, dunque, si stanno effettuando per quanto riguarda il trasporto degli organi tramite droni, un metodo che farebbe…

Da @Notiziescientif di Luigi Esposito – 24 novembre 2018

LEGGI TUTTO su NOTIZIE SCIENTIFICHE

Si parla di: trasporto organi con drone, delivery, logistica, emergenze, cargo, HOMAL, Human Organ Monitoring and Quality Assurance Apparatus for Long-Distance Travel, DJI Matrice 600 Pro Hexacopter

Droni: Parrot Anafi, la recensione di GQ .@GQitalia

Piccolo, ultraleggero e con tante opzioni di ripresa: ma è una buona alternativa allo strapotere di Dji?

Se cerchi un drone che non sia un giocattolo e nemmeno un marchingegno ultracostoso ultracomplicato per fanatici del volo telecomandato, la risposta del mercato sembra essere piuttosto chiara: la maggior parte delle persone comprano un DJI. L’azienda di Shenzhen– per fare capire il successo: si è comprata la Hasselblad – ha sbaragliato la concorrenza.

Che comunque resiste: l’avversario più titolato è la francese Parrot, che scuote il mercato con il bellissimo Anafi, il drone che va…

Da @GQitalia di Alessandro Scarano – 22.11.2018

LEGGI TUTTO su GQ Italia

Si parla di: recensione, commenti, Parrot, droni, DJI, Anafi, video 4K, aerofotografia, riprese aeree

Tello EDU, il piccolo drone economico ora insegna a programmare .@Digital_Day

Rzye lancia la versione educational del suo famoso mini-drone: identico al modello da 100 euro questo nuovo drone dispone di alcuni accessori e app per imparare a programmare, partendo dalle basi fino ad arrivare a linguaggi come Phyton.
Tello raddoppia: dopo la versione “gioco” disponibile da mesi arriva anche la versione “EDU”, che unisce al gioco anche un lato educativo. Il minidrone, realizzato da Ryze in collaborazione con DJI e Intel (qui la prova), è stato da molti definito “il miglior drone a basso costo” ed è davvero così, perché è…
Da @Digital_Day di Roberto Pezzali – 14/11/2018
Si parla di: programmare, programmazione, software, DJI, Intel, il miglior drone a basso costo

Check Point Software Technologies scopre vulnerabilità nella piattaforma drone leader di mercato

La falla presente nei droni DJI avrebbe potuto consentire agli hacker di accedere agli account degli utenti. Grazie a questa scoperta, Check Point ha permesso al produttore di consolidare la propria sicurezza

MILANO, 8 novembre 2018 – Check Point® Software Technologies Ltd. (NASDAQ: CHKP), il principale fornitore di soluzioni di cybersecurity a livello globale, e DJI, leader mondiale nel settore dei droni civili e della tecnologia di imaging aerea, hanno reso noto i dettagli di una potenziale vulnerabilità che, se sfruttata, avrebbe potuto compromettere l’infrastruttura di DJI.

In un report elaborato conformemente al Bug Bounty Program di DJI, il team di ricerca di Check Point ha spiegato come un criminale informatico avrebbe potuto ottenere accesso agli account degli utenti, attraverso una vulnerabilità scoperta all’interno del processo di identificazione necessario per accedere al Forum DJI, il forum dedicato ai prodotti dell’azienda. I ricercatori di Check Point hanno, infatti, scoperto che le piattaforme DJI utilizzano un token per identificare gli utenti registrati in diversi momenti della customer experience, che avrebbe potuto essere utilizzato dagli hacker in cerca di modi per accedere agli account.

Sia gli utenti dei droni DJI che hanno sincronizzato i loro dati di volo, inclusi foto, video e giornali di bordo con i server cloud di DJI, sia gli utenti aziendali DJI utilizzatori del software DJI FlightHub, che include una telecamera, l’audio e la visualizzazione delle mappe, sarebbero potuti diventare dei potenziali bersagli. La falla è stata risolta e non ci sono prove che sia mai stata sfruttata.

Siamo soddisfatti della competenza dimostrata dal team di ricerca di Check Point riguardo la scoperta di una vulnerabilità potenzialmente così critica”, ha affermato Mario Rebello, Vice Presidente e Country Manager, di DJI North America. “Questo è esattamente il motivo per cui DJI ha istituito il Bug Bounty Program. Tutte le aziende tecnologiche devono capire che consolidare la sicurezza informatica deve essere un processo regolare. Proteggere l’integrità delle informazioni degli utenti è una priorità assoluta per DJI e noi ci impegniamo a collaborare costantemente con gli attori della sicurezza, come Check Point.”

Data la popolarità dei droni DJI, è importante che le vulnerabilità potenzialmente critiche come questa siano affrontate in modo rapido ed efficace, e ci congratuliamo con DJI per aver agito così velocemente”, ha dichiarato Oded Vanunu, Head of Products Vulnerability Research di Check Point. “Questa scoperta ci insegna quanto sia importante che le organizzazioni capiscano che le informazioni sensibili possono essere utilizzate tramite più piattaforme e, se esposte su una di queste, possono compromettere l’integrità di dell’intera infrastruttura globale.”

Gli ingegneri di DJI hanno esaminato il report presentato da Check Point e, in conformità con la Bug Bounty Policy, lo hanno classificato come ad alto rischio/bassa probabilità. Ciò è dovuto a una serie di prerequisiti che devono essere soddisfatti prima che un potenziale attaccante possa sfruttarlo. I clienti DJI dovrebbero sempre utilizzare la versione più recente delle applicazioni pilota DJI GO o GO 4.

Check Point e DJI consigliano a tutti gli utenti di rimanere vigili quando condividono informazioni in formato digitale; inoltre, suggeriscono di adottare abitudini informatiche sicure in caso di interazioni online con gli altri utenti e di mettere in discussione la legittimità dei link alle informazioni visualizzate sui forum e sui siti web.

Un’analisi tecnica completa di questa vulnerabilità è disponibile sul blog Check Point Research al seguente sito: https://research.checkpoint.com/dji-drone-vulnerability/

Seguici sui nostri canali social:

Check Point Software Technologies Ltd.

Check Point Software Technologies Ltd. (www.checkpoint.com) è il più grande fornitore mondiale specializzato nel campo della sicurezza informatica per i governi e le aziende. Le sue soluzioni leader di mercato proteggono i clienti, grazie al più elevato tasso di rilevamento di malware, di ransomware e di altri tipi di attacchi informatici sul mercato. Check Point fornisce un’architettura multilivello di sicurezza per difendere le informazioni contenute nei cloud, nei network e nei dispositivi mobili delle aziende, oltre a offrire un unico sistema di gestione della sicurezza più completo e intuitivo possibile. Check Point difende più di 100.000 organizzazioni di tutte le dimensioni.

DJI

DJI è leader mondiale nello sviluppo della tecnologia di imaging aerea e nella produzione di droni civili per uso amatoriale e professionale. DJI è stata fondata ed è gestita da persone con la passione per gli elicotteri telecomandati, ed esperti in tecnologia flight-control e stabilizzazione delle videocamere. L’azienda si dedica a rendere le apparecchiature e le piattaforme di fotografia aerea e cinematografica più accessibili, affidabili e facili da usare per gli innovatori di tutto il mondo. DJI si estende attualmente in America, in Europa e in Asia, inoltre i suoi prodotti e le sue soluzioni rivoluzionarie sono stati scelti da clienti in oltre 100 paesi, per applicazioni nel settore cinematografico ed edile, in agricoltura, nelle ispezioni, negli interventi di emergenza, nella difesa e in molti altri campi.

Per ulteriori informazioni:

Comunicato stampa a cura della LEWIS Communications Srl

Per gioco o per lavoro. Perché in tanti trasformano in trecentino il piccolissimo drone Tello .@DronEzine

Una pattuglia che cresce: una decina abbondante di droni Tello, poco più che giocattoli dal costo di un centinaio di euro, sono stati registrati a ENAC come SAPR inoffensivi. Quindi come aeromobili, aprendo loro anche la possibilità di volare per lavoro.
Una cosa che convince giornalisti, architetti ma anche aeromodellisti che vogliono volare dove agli aeromodelli è vietato, per esempio in città, sulle persone, nelle CTR aeroportuali. Ecco le storie di alcuni di questi pionieri.
Due sono sostanzialmente i motivi per cui si registra a ENAC un TELLO come SAPR inoffensivo, secondo l’articolo 12 comma 5 del Regolameto ENAC: o per usarlo come aeromodello, per divertimento, superando però quelle che sono le limitazioni del volo hobbistico senza registrazione (per esempio la proibizione di volare in città, di entrare nelle CTR, di sorvolare le persone). Oppure per usarlo per lavoro. Può stupire che una macchina da 80 grammi possa…
Da @DronEzine di Luca Masali – 05.11.2018
Si parla di: DJI, Tello, drone inoffensivo, regolamento ENAC, inoffensività, droni sotto i trecento grammi, trecentino

DJI Flight Simulator, esercitati con i droni senza rischiare .@DronEzine

DJI una ne fa e cento ne pensa. Da qualche giorno è presente sul sito DJI, leader asiatico produttore di droni, un simulatore per imparare a pilotare un drone senza correre rischi o fare incidenti.

Si chiama DJI Fligt Simulator ed è presente in due versioni, una gratuita e una a pagamento. Quella gratuita permette di effettuare semplici voli con i droni di casa DJI, mentre quella a pagamento permette di esercitarsi con i droni della categoria Enterprise simulando vere e…

Da @DronEzine di Stefano Orsi 31.10.2018

LEGGI TUTTO su DRONEZINE

Si parla di: app, software, simulatore di volo, droni, imparare a pilotare, simulare volo con drone, DJI