Da Huawei nuove soluzioni per il 5G, anche il drone che si alza in volo per supportare le comunicazioni d’emergenza .@hwupgrade

Riduzione di ingombri, pesi e consumi saranno fattori chiave per la diffusione delle reti 5G, in città come nelle aree rurali. Porta all’estremo questo concetto il modulo per comunicazioni d’emergenza 5G SkySite. In pratica un drone legato a terra da un cavo che si alza in volo e crea una BTS per comunicazioni critiche in caso di terremoti e disastri naturali.
Il nome di Huawei è stato al centro delle cronache soprattutto della guerra dichiarata da Trump alle attrezzature del produttore cinese, accusate dal presidente degli Stati Uniti di essere utilizzate dal Governo di Pechino per spiare cittadini e imprese americane.
Hauwei è un player di livello globale, attivo su molti mercati, per cui la perdita di un mercato grande come quello americano può essere grande, ma meno impattante di quello che si potrebbe pensare, considerato anche il fatto che per il momento le pressioni americane non hanno portato gli stati europei come…
Da @hwupgrade di Roberto Colombo – 25 Febbraio 2019
Si parla di: banda larga, connettività, emergenze, protezione civile, 5G, frequenze,
Annunci

In arrivo dalla Cina i robot volanti, una nuova generazione di droni

I droni possono semplificare il nostro stile di vita. Non è lontano il tempo che effettuando un ordine tramite una semplice applicazione per smartphone ci verrà consegnata la colazione o il pranzo in modo alternativo : con un robot volante!
Negli ultimi venti anni la Cina ha ottenuto risultati impressionanti in materia aerospaziale ed elettronica per la difesa militare, ma domina nel mercato internazionale dell’hardware sui droni, anzi, sembra stia superando la tecnologia americana.
L’industria della robotica e dei droni (sistemi aeromobili a pilotaggio remoto “APR” e velivoli senza pilota “VSP o UAS – Unmanned Aircraft System”, sta conoscendo un vero e proprio boom su scala globale. Questa tecnologia molto seria ed avanzata, prevede il massimo degli investimenti per i prossimi cinque anni e le maggiori industrie mondiali del …
Da #futuroquotidiano di SIMONA AGOSTINI – 20 FEBBRAIO 2019
Si parla di: robotica, robot, Cina, sviluppo tecnologico, Unmanned Aircraft System, UAS

Dalla NASA in arrivo un sistema di controllo automatico dei droni in volo su ambienti urbani .@TomsHWItalia

Gestire il sempre crescente traffico aereo dei droni sulle aeree urbane densamente popolate è un obiettivo cruciale per il prossimo decennio, quando droni commerciali e di consegna saranno all’ordine del giorno nei nostri cieli.

Il problema se l’è posto anche la NASA che col suo progetto quadriennale UTM (Unmanned Aircraft Systems Traffic Management) sta cercando di sviluppare tecnologie adatte allo scopo.

Il progetto è ora entrato nella fase finale, che è anche la più delicata, perché l’ente spaziale dovrà fornire una serie di dimostrazioni tecniche delle soluzioni sviluppate. Per l’occasione la NASA collaborerà con il Nevada Institute for Autonomous Systems di Las Vegas e il Lone Star UAS Center for Excellence & Innovation di Corpus Christi, in Texas. Le dimostrazioni si svolgeranno tra …

Da @TomsHWItalia di Alessandro Crea – 20 febbraio 2019 17:27

LEGGI TUTTO su TOM’S HARDWARE Italia

Si parla di: NASA, guida autonoma, progetto, ricerca, innovazione, UTM, Unmanned Aircraft Systems Traffic Management, controllo traffico aereo, sense and avoid,

Brennero, con C-Roads primi test nel 2019 per l’autostrada a guida autonoma. Droni per la sicurezza .@Key4biz

Due anni di sperimentazione in autostrada per verificare l’affidabilità dei sistemi di guida autonoma, sia di automobili, sia di camion e autotreni. Ai droni sarà invece affidato la sicurezza dell’intera infrastruttura, con il controllo visivo da remoto.
L’A22 è l’autostrada italiana che porta al Brennero e da lì in Austria, passando le Alpi ed entrando nel cuore dell’Europa. Un’arteria fondamentale per le rotte Nord-Sud della rete autostradale del vecchio continente, che presto vedrà i primi test in strada per i veicoli a guida autonoma.
Nello specifico, la sperimentazione riguarderà i camion e i grandi TIR e sarà coordinata all’interno del progetto…
Da @Key4biz di Flavio Fabbri – 20 febbraio 2019
Si parla di: C-Roads, Unione europea, guida autonoma, monitoraggio infrastrutture, reti autostradali, autostrada

IA e droni svizzeri per preservare la fauna africana .@tvsvizzera

Dopo un promettente debutto in Namibia, un progetto svizzero potrebbe contribuire alla tutela ambientale della savana con l’uso di droni e dell’analisi automatica di immagini.
Per farsi un’idea di quanti animali selvatici vivono in una certa area, il conteggio dei capi è generalmente effettuato in tempo reale da persone con la vista acuta a bordo di veicoli. Il progetto SavmapLink esterno -lanciato dal Politecnico federale di LosannaLink esterno EPFL e che coinvolge ricercatori di Svizzera, Namibia e Paesi Bassi- fa uso di droni e intelligenza artificiale (IA) per contarli in modo più efficiente.
“L’occhio umano è molto abile a rilevare gli animali, ma non a vagliare un gran numero di immagini. I computer possono elaborare molti più dati”, spiega il…
Da @tvsvizzera di Susan Misicka – 18.02.2019
Si parla di: controllo territorio, salvaguardia natura, Arica, parco, riserva naturale, monitoraggio, intelligenza artificiale

Ecco come DJI cambierà le restrizioni per i droni vicino agli aeroporti (foto) .@smartworld_it

Lo scorso 20 dicembre il volo di un drone nella zona dell’aeroporto di Gatwick ha mandato in tilt la circolazione in uno dei momenti di massima congestione del traffico aereo. Sarà stato perché si trattava del secondo aeroporto per dimensioni di tutto il Regno Unito, o forse perché l’incidente è avvenuto sotto Natale o forse ancora perché non è il primo episodio del genere, DJI ha annunciato che cambierà le restrizioni geografiche per i suoi droni.
Il nuovo sistema si chiamerà GEO 2.0 e adotterà delle regole di geofencing tridimensionali. In poche parole in base alla dimensione dell’aeroporto ci saranno dei limiti per l’altitudine in linea con le piste di decollo e atterraggio. Quindi sarà ancora possibile far volare il proprio drone in alcuni punti purché…
Da @smartworld_it di Roberto Artigiani1 – 8/02/2019
Si parla di: DJI. geofencing, recinto elettronico, barriera, controllo spazio aereo, droni, tecnologia innovazione

Scm Sim investe nei droni .@Citywire_Italia

Scm Sim (in foto l’a.d Antonello Sanna) ha avviato un Club Deal per investire in Dronus, start-up italiana di droni ad uso industriale, specializzata nella tecnologia “drone-in-a-box”.

Dronus ha sviluppato una tecnologia innovativa, in fase di registrazione del brevetto, che fornisce un’autonomia totale ai propri dispositivi, garantendo un posizionamento preciso ed una assoluta automazione nelle fasi di decollo, atterraggio e gestione della batteria. L’operazione, realizzata in collaborazione con lo Studio Legale Chiomenti, prevede la costituzione da parte dei soci aderenti al progetto di una NewCo, che acquisirà…

Da @Citywire_Italia – 15.02.2019

LEGGI TUTTO su CITYWIRE

Si parla di: investimenti, sviluppo, tecnologia, drone in a box, droni, Dronus, Scm Sim

A Cuneo “Scuola digitale” e innovazione con droni e robotica .@LaStampa

Dal 26 febbraio il capoluogo provinciale ospiterà per tre giorni la manifestazione itinerante «Futura». La candidatura è stata promossa dal liceo «Peano Pellico»
Dal 26 febbraio Cuneo per tre giorni ospiterà «Futura», manifestazione itinerante del ministero all’Istruzione su «scuola digitale» e innovazione. La candidatura è stata promossa dal liceo «Peano Pellico» (che ha presentato il programma), ma coinvolgerà le scuole di tutta la provincia per tre giorni di dibattiti, workshop, spettacoli, maratone di hacker da tutta Italia (i sempre più diffusi hackaton), sfide hi-tech tra studenti. E ancora robotica, droni, formazione per docenti e «animatori digitali»…
Da @LaStampa di LORENZO BORATTO – 12/02/2019
Si parla di: Futura, Cuneo, manifestazione digitale, ministero istruzione, droni, robotica, docenti, animatori digitali

Leonardo è un robot capace di correre, saltare e volare .@Affaritaliani

Leonardo è un robot bipede capace di camminare e di volare per brevi distanze progettato da Alireza Ramezani, Professore associato della Northestern University di Boston e California Institute of Technology e il suo nome sta per “LEg ON Aerial Robotic DrOne”.
Ramezani ha realizzato il robot bipede insieme ai professori Soon-Jo Chung e Morteza Gharib quando era ricercatore post-dottorato presso il Caltech.
Tra gli interessi di ricerca di Ramezani  il controllo della locomozione di robot bipedi, robotica bio-ispirata e  sistemi robotizzati altamente dinamici. Lavori che si collocano tra teoria del controllo e robotica.
Così come è avvenuto per altri progetti robotici anche per questo robot la ricerca ha fatto…
Da @Affaritaliani di Maurizio Garbati – 30.01.2019
Si parla di: uccelli, camminare, volare, correre, robot, robotica, bipede, ricerca, sviluppo, innovazione

Lo show dei droni in Corea del Sud .@ilmanifesto

Oltre 100 espositori provenienti da tutto il mondo, tra cui Cina e Stati Uniti, hanno esposto i loro prodotti all’avanguardia “in uno spettacolo di droni a Bushan”, secondo gli organizzatori, in Corea del Sud.

Un drone alimentato a idrogeno prodotto in Corea del Sud ha fatto il suo debutto proprio in questa kermesse: rispetto ai droni tradizionali ha un tempo di volo di due ore e, secondo i suoi produttori, sarebbe più “rispettoso” dell’ambiente. Nell’evento in Corea il produttore locale Doosan Mobility Innovation ha lanciato batterie a idrogeno per i droni: l’azienda ha anche annunciato di aver terminato la costruzione delle sue reti di distribuzione di…

Da @ilmanifesto – 30.01.2019

LEGGI TUTTO su IL MANIFESTO

 

Si parla di: batterie a idrogeno, Corea del Sud, show, fiera, mostra, evento sui droni, Asia, Doosan Mobility Innovation