Sempre più droni sugli aeroporti: arrivano a 15 metri dai jet in decollo .@Corriere

Il dossier dell’Agenzia per la sicurezza del volo: 60 casi nel 2018, +230% sul 2015. I pericoli per gli aerei. In Italia sono 11.647 quelli autorizzati a volare

Le immagini sono spettacolari. Ecco un Embraer di Alitalia sfrecciare a circa cento metri di distanza subito dopo esser decollato dalla pista di Linate. Quindi un Airbus di easyJet e un altro di Brussels Airlines più vicini, tanto che la fotocamera non può evitare di registrare la turbolenza. Di video così questo 17enne della provincia di Milano che si fa chiamare Matteo ne ha diversi. Tutti girati dal suo drone dalle parti di Novegro (a nord di Linate), ben custoditi nel telefonino…

Da @Corriere di Leonard Berberi – 24.04.2019

LEGGI TUTTO su CORRIERE DELLA SERA – Cronache

Si parla di: sicurezza, aeroporti, ATZ, CTZ, no fly zone, volo non autorizzato, regole, volare, drone strike

Annunci

Gran Bretagna, da marzo stop ai droni nelle vicinanze degli aeroporti

A partire dal prossimo 13 marzo in Gran Bretagna non si potranno più far volare droni intorno agli aeroporti. Come annunciato dal ministero dei Trasporti britannico, la zona di interdizione, che attualmente è di un chilometro, sarà, infatti, estesa a cinque.

La misura era stata anticipata lo scorso gennaio senza indicare una data di entrata in vigore ed è stata decisa in seguito ai forti disagi registrati, lo scorso dicembre, nel periodo di Natale, presso lo scalo londinese di Gatwick a causa molteplici avvistamenti di droni nell’area aeroportuale. Le numerose incursioni non…

Da #quifinanza – 20.02.2019

LEGGI TUTTO su QUI FINANZA

 

 

 

 

Si parla di: controllo spazio aereo, Inghilterra, Gran Bretagna, droni, aeroporti, ATZ, CTZ, Gatwick, no fly zone

Droni intrusi in pista, stop voli aeroporto Gatwick .@quotidianonet

Allarme a Londra, alcuni aeromobili in arrivo sono stati messi in stand by, altri dirottati verso scali alternativi

Londra, 20 dicembre 2018 – Improvviso stop a tutti i voli nell’aeroporto londinese di Gatwick, il traffico aereo è stato bloccato in seguito all’avvistamento di due droni sulla verticale di una delle piste che corrono parallele, circostanza che ha messo…

Da @quotidianonet –  20 dicembre 2018

LEGGI TUTTO su QUOTIDIANO .net

Si parla di: no fly zone, atz, ctz, aerodrome traffic zone, control traffic zone, controllo aereo, aeroporti, rischio impatto, drone strike, volo non autorizzato

Cagliari, #drone contro gli incidenti aerei causati dai volatili: ecco “Aquila 100” .@youtgnet

CAGLIARI. Si chiama Aquila 100 ed è un super drone, ha un cavo collegato, è in grado di monitorare l’area con le telecamere ed emettere versi che fanno scappare gli uccelli simulando il richiamo di pericolo.

È solo l’ultimo accorgimento che sta mettendo in campo l’aeroporto di Cagliari per combattere il fenomeno del wildlife strike, ovvero l’impatto tra un aeromobile ed uno o più volatili. Se ne è parlato oggi durante un workshop all’aeroporto Mameli  organizzato da Sogaer e Italian Flight Safety Commitee “Wildlife strike”. Perché è vero che l’aeroporto di Cagliari è virtuoso sotto questo punto vista, riesce a contenere il fenomeno rispetto ad altre città italiane (a Elmas 0,02% è l’incidenza, l’Enac indica come pericolo, quindi la soglia massima, lo 0,5), ma è comunque un’area ad alto rischio. Lo 0,06 per cento è la…

Da @youtgnet di  Monica Magro – 15 Maggio 2018

LEGGI TUTTO su YOUTG.NET

Si parla di: bird strike, impatto uccelli con aerei, drone anti uccelli, sicurezza, aeroporti, fauna selvatica, drone aquila 100

Ecco il drone-falco che caccia gli uccelli dalle aree a rischio .@repubblica

Ecco il drone-falco che caccia gli uccelli dalle aree a rischio

Si chiama Robird, muove le ali e vola a 70 chilometri orari. Si tratta di un progetto nato in Olanda e “adottato” da una joint venture canadese. Verrà utilizzato negli aeroporti per eliminare i rischi del bird-strike, in agricoltura e discariche. Le prove allo scalo di Edmonton hanno prodotto ottimi risultati: 15mila volatili allontanati dalle piste
ROMA – Si chiama Robird e fa davvero paura. E questo è un bene se la prospettiva è quella degli agricoltori, dei responsabili delle discariche o dei piloti di aerei. Il Robird è infatti il primo drone-uccello ideato…
Da @repubblica di LUCIO CILLIS – 22 Dicembre 2017
Si parla di: bird strike, aeroporti, uccelli, Robird, Clear Flight Solutions, Aerium Analytics, dissuasori, sistemi di dissuasione, fauna, uccelli, volatili, impatto con aerei di linea

#Lisbona, #drone misterioso #sopra #aeroporto: sospesi i voli

@ilmessaggeroit  Lisbona, drone misterioso sopra aeroporto: sospesi i voli

La presenza di un drone, che si trovava in prossimità dell’aeroporto di Lisbona, ha ostacolato le operazioni di atterraggio di due voli. Un aereo della compagnia Rayanair proveniente da Marsiglia è stato avvertito dalla torre di controllo dell’impossibilità di atterrare quando questi stava già nella fase finale della manovra ed è riuscito comunque a terminarla qualche minuto dopo senza alcun problema.

Un secondo volo, invece, della compagnia Easyjet proveniente da Parigi non ha potuto atterrare e secondo le istruzioni della torre di controllo ha continuato il suo volo fino a Porto.

Da @ilmessaggeroit di Marta Ferraro – 09.08.2017

LEGGI TUTTO su IL MESSAGGERO.it

Si parla di: regolamento, regole, droni, atz, ctz, aeroporti, prossimità, spazio aereo, pericolo, no fly zone

Drone no fly zone sopra impianti petroliferi

@macitynet #noflyzone Non fate volare il #drone sopra impianti petroliferi

La regolamentazione sull’utilizzo dei droni in USA potrebbe abbracciare un nuovo divieto relativo al sorvolo di impianti petroliferi e altre infrastrutture critiche
Chi pilota un drone al di sopra di un impianto petrolifero rischia la prigione. Fino a 180 giorni, in base a quanto stabilito dal disegno di legge proposto negli scorsi giorni dalla Camera e dal Senato degli Stati Uniti d’America, una mossa che tende a perfezionare la regolamentazione di un dispositivo che ha di fatto trovato ampio mercato prima ancora di riuscire a stabilire come e quando utilizzarlo in sicurezza.

Ci sono già aree “no-fly” dove il rischio manette è dietro l’angolo, come ad esempio aeroporti e strutture governative, ma nel momento in cui la proposta diventerà legge a questi si aggiungeranno diverse «Infrastrutture critiche», tra cui impianti petroliferi ma anche centrali elettriche, dighe e raffinerie. In base a…

Da @macitynet di  YURI DI PRODO – 30/5/2017

LEGGI TUTTO su MACITYNET.it

Si parla di: Drone no fly zone, impianti petroliferi, aeroporti, strutture governative, regole USA

Problemi per un drone in hovering all’aeroporto di Washington

.@Quadricottero Giovedì scorso un #Boeing 777 è passato sotto ad un #drone multirotore che stazionava sopra l’aeroporto di Washington-Dulles.

Nonostante i grandi produttori di droni consumer e pro-sumer, come la DJI, da qualche tempo abbiano inserito nei firmware dei loro droni multirotori sistemi di geofencing, continuano a verificarsi usi impropri di questi mezzi in zone dove non dovrebbero assolutamente volare. Giovedi scorso il pilota di un Boeing 777 Air France, mentre stava per atterrare all’aeroporto internazionale di Washington-Dulles, ha avvistato un drone che…

Da @Quadricottero di Danilo Scarato – 13.02.2017

LEGGI TUTTO su QUADRICOTTERO News

Si parla di: drone in hovering, aeroporto di Washington, boeing, rischio collisione, aeroporti, ATZ, CTZ, controllo traffico aereo, no fly zone, droni

Dove i droni non volano

.@RSInews Inedita cartina interattiva dell’Ufficio federale dell’aviazione sulle zone off limits per i modelli telecomandati

Una nuova cartina interattiva dell’Ufficio federale dell’aviazione civile (UFAC) indica ai droni (e altri modellini volanti) quali sono le zone vietate al volo o solo parzialmente accessibili dello spazio aereo nazionale. Lo strumento intende ridurre al minimo…

Da @RSInews – 13.12.2016

LEGGI TUTTO su RSI News

Si parla di: rischi di incidenti tra droni e velivoli civili, aeroporti, UFAC, app Swiss Map Mobile, no fly zone

Il drone operaio fa i lavori pericolosi al posto nostro

Apellix ha realizzato un drone quadricottero in grado di svolgere alcuni lavori che normalmente per gli esseri umani sono a rischio, come dipingere strutture, applicare rivestimenti o svolgere altre mansioni che espongono gli esseri umani a rischi di cadute o inalazione di agenti chimici tossici…

Da @TomsHWItalia di Alessandro Crea – 31 Marzo 2016

LEGGI TUTTO su TOM’S HARDWARE

Si parla di: drone senza batteria, drone alimentato da cavo, drone connesso fisicamente alla stazione di pilotaggio, groundstation, drone che dipinge, drone operaio, droni per cantieri navali, aeroporti