Delair lancia delair.ai, la piattaforma di intelligence aerea più potente nel settore, per rivelare il valore della raccolta di dati per mezzo di droni per le imprese .@Agenzia_Ansa

Una nuova soluzione su base cloud introduce nuovi livelli di efficienza per flussi di lavoro UAV e integra analitica ottimizzata per settore, stabilendo Delair come il principale fornitore di software aziendale nel settore dei droni
Delair, un fornitore principale di soluzioni di droni commerciali, oggi ha svelato Delair Aerial Intelligence (delair.ai), la piattaforma più completa del settore per convertire immagini catturate dai droni in informazioni commerciali azionabili. La nuova soluzione su base cloud offre un flusso di lavoro completo integrato e facile da usare per gestire, analizzare e…
Da @Agenzia_Ansa – 06.02.2019
Si parla di: delair.ai, raccolta dati, piattaforma, ricognizioni aeree, aerofotogrammetria, telerilevamento, cloud,
Annunci

Delair riceve un finanziamento da Intel Capital per dare impulso all’innovazione nel settore dei dati per i drone commerciali @Agenzia_Ansa

Il finanziamento sosterrà l’ulteriore sviluppo di soluzioni software congiunte per aeromobili a pilotaggio remoto (APR) basati su dati ai fini della modellazione sul cloud utilizzante informazioni relative alle risorse
L’accordo è basato su un rapporto esistente che sfrutta le soluzioni software di analisi ottimizzate per il settore sviluppate da Delair e la strategia cloud computing di Intel per assicurare nuovi livelli di business intelligence alle aziende
Delair, un leader nello sviluppo di soluzioni per drone per impieghi commerciali, oggi ha annunciato di avere chiuso recentemente il round di espansione con un investimento da parte di Intel Capital. Dallo scorso anno, Delair e Intel collaborano sulla piattaforma Intel® Insight, una soluzione cloud di …

Da @Agenzia_Ansa – 13 settembre 2018

SI parla di: finanziamenti, imprese, soluzioni software, analisi dati, APR, Intel, cloud

DJI AEROSCOPE: ARRIVA IN ITALIA IL SISTEMA DI TRACCIAMENTO DEI #DRONI GRANDE INTERESSE DA ENTI AERONAUTICI, FORZE DELL’ORDINE E DIFESA

(Comunicato stampa)

Crescono gli allarmi per droni in volo su zone vietate, come centri cittadini, aeroporti, impianti industriali carceri o altre aree sensibili. Ma è arrivato in Italia il nuovo sistema di tracciamento dei droni già utilizzato in tutto il mondo, un sofisticato apparato che consente di individuare con alta precisione un piccolo multirotore in volo a chilometri di distanza e di conoscerne una serie di informazioni per valutarne l’eventuale pericolosità. Questo rivoluzionario sistema si chiama “DJI AeroScope” ed è stato realizzato dal colosso cinese DJI, il maggiore produttore mondiale di droni per usi amatoriali e professionali. Nei giorni scorsi, è stato presentato ufficialmente alle autorità italiane durante un test operativo svoltosi presso l’Aeroporto dell’Urbe a Roma. Grande l’interesse da parte delle istituzioni aeronautiche, come l’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile (ENAC) e l’Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV). Particolare attenzione anche da parte delle Forze dell’Ordine, delle Forze Armate e degli apparati di sicurezza dello Stato.

Il “DJI AeroScope” è dotato di un sistema di antenne sensibili e di apparati sofisticati che intercettano il canale di collegamento radio tra il radiocomando e il drone, oppure il segnale di telemetria video che lo stesso drone trasmette a terra. Il ricevitore decodifica quindi le informazioni e le invia allo schermo di un terminale, dove sono facilmente disponibili su una mappa per l’utente. Il sistema è in grado di rivelare le seguenti informazioni di uno o più droni intercettati: marca/modello; numero di serie; nome del proprietario; posizione del pilota; coordinate di decollo; rotta di volo; coordinate di posizione; direzione; altitudine; velocità. A differenza dei “radar per droni”, che non di rado forniscono dei falsi positivi (confondendo, ad esempio, un drone con un volatile), il “DJI AeroScope” è un vero e proprio sistema di tracciamento: permette infatti di tracciare i droni in maniera nativa, effettuando la scansione del link tra drone e pilota, e quindi sorpassa a livello tecnologico tutti i vecchi progetti che prevedevano l’utilizzo di un modulo aggiuntivo da installare sul drone.

Esistono due versioni del “DJI AeroScope”, una fissa ed una portatile: la prima (range circa 25 km) è già in uso in due aeroporti internazionali in Asia, mentre la seconda (range circa 5 km) è sottoposta a vari test in tutta Europa. La versione fissa può anche funzionare in cloud e vi possono essere collegati decine di apparati per coprire aree illimitate in tutto il mondo. Attualmente, questo sistema può tracciare tutti i droni prodotti dalla DJI (che sono circa l’80% delle decine di migliaia di piccoli multirotori venduti in Italia negli ultimi anni), anche se il colosso cinese sta già lavorando in cooperazione con l’agenzia europea EASA per ampliarne la capacità ad altri droni, ad esempio utilizzando il collegamento wifi oppure un piccolo modulo hardware per i droni autocostruiti. Per ulteriori informazioni: www.eliteconsulting.it.

“Il sistema ‘DJI AeroScope’ è stato sviluppato appositamente per rispondere alle esigenze delle autorità aeronautiche e delle forze dell’ordine, che potranno così migliorare la sicurezza delle aree sensibili, individuando per tempo la presenza di un drone e potendo così procedere con eventuali contromisure”, ha dichiarato Flavio Dolce, direttore di Elite Consulting, la società romana che rappresenta DJI in Italia. “E’ un sistema sicuro, facilmente implementabile e che sfrutta tecnologie già esistenti ed integrate nei droni. Grazie allo strumento di sviluppo SDK, potrebbe anche essere efficacemente integrato con le piattaforme radar per aeromobili, al fine di avere uno strumento unico di controllo del traffico aereo”.

Roma, 30 maggio 2018

DJI Enterprise Italia – Ufficio Stampa Mediarkè srl

Microsoft, alleanza sull’intelligenza artificiale con i droni di Dji e Qualcomm .@sole24ore

SEATTLE – Microsoft spinge sull’intelligent cloud, il cloud potenziato dall’intelligenza artificiale, annunciando – fra le altre cose – due nuove partnership con l’azienda cinese di droni Dji e il colosso americano dei semiconduttori Qualcomm.

La doppia intesa è stata ufficializzata dal Ceo Satya Nadella sul palco del Build, la maxi-conferenza degli sviluppatori appena iniziata qui a Seattle (dall’8 al 10 maggio sarà il turno di Google, ovviamente in Silicon Valley). In genere la Build fa da faro sulle rotte future di Microsoft, e questa edizione ha rispettato le attese.

Nessuna novità esplosiva ma un’idea chiara sul cambio di passo di Microsoft, sempre più proiettata in un’ottica B2B: monetizzare la gestione dei dati per le imprese con i servizi cloud, capitalizzando anche l’open source, l’apertura dei propri codici ai programmatori esterni…

Da @sole24ore di Alberto Magnani – 07 maggio 2018

LEGGI TUTTO su IL SOLE 24 ORE

Si parla di: dji, microsoft, qualcomm, cloud

.@franco_canna #Bosch scommette sull’ #agricoltura #digitale

Bosch scommette sull’agricoltura digitale

La tecnologia sì è ormai da tempo affermata in agricoltura, tra sensori che determinano il momento giusto per il raccolto, app che misurano la temperatura del terreno e trattori automatizzati nei campi. Lo sa bene la multinazionale tedesca Bosch, che sta trasferendo la sua tecnologia automotive all’agricoltura, dai sistemi di propulsione per i trattori, alle soluzioni idrauliche per i macchinari agricoli, fino ai prodotti connessi per la coltivazione intelligente…

Da @franco_canna di Daniela Garbillo – 15 novembre 2017

LEGGI TUTTO su INNOVATION POST

Si parla di: smart cab, agricoltura di precisione, precision farming, bosch, concept cluster, veicoli con telecamee, droni, cloud,

Univpm al Marketplace Day. Tra droni, robot e non solo

@vivereancona #droni L’Università Politecnica delle Marche sarà presente con i propri ricercatori venerdì 26 maggio dalle 10 alle 18 al Marketplace Day al Palaindoor di Ancona.

In mostra prototipi sviluppati nei laboratori, come droni UAV (Unmanned Aerial Vehicle), dispositivi domotici, robot per applicazioni in ambito marino, applicazioni di realtà virtuale e sensori per la costruzione di reti per IoT (Internet of Things).

L’Università Politecnica delle Marche sarà presente con i propri ricercatori venerdì 26 maggio al Palaindoor di Ancona, dalle 10 alle 18, al Marketplace Day di Confindustria, un’occasione di incontro tra imprese, università, mondo del credito e start-up.

Ci saranno in mostra i prototipi delle tecnologie sviluppate all’interno dei laboratori dell’Università e nel pomeriggio si terrà un seminario sull’industria 4.0. I ricercatori Univpm presenti a Marketplace presenteranno i loro su studi su Internet of Things, tecnologie Cloud e High Performance Computing, Sistemi ciber-fisici e realtà aumentata, robotica e manutenzione predittiva…

Da @vivereancona – 25.05.2017

LEGGI TUTTO su VIVERE ANCONA

Si parla di: Univpm, Marketplace Day, droni, robot, realtà aumentata, Internet of Things, IoT, Cloud

IoT, si aprono con Cisco le nuove frontiere dei droni-sensori

.@Int4Things Dalla gestione del traffico all’ #agrotech, i #droni offrono straordinarie opportunità di raccogliere dati e informazioni di grande utilità a costi ragionevoli. Purché li si possa integrare in una piattaforma sicura, connessa e performante nella processazione e memorizzazione delle enormi quantità di dati raccolti in tempo reale. L’esperienza di Cisco

I droni come ascensori per sensori. E anzi – volendo dirla tutta – sensori loro stessi: purché si dia loro la capacità di portare dei sensori la dove nessuna sonda è mai arrivata prima, soprattutto per una questione di…

Da @Int4Things – 11.01.2017

LEGGI TUTTO su INTERNET 4 THINGS

Si parla di: IoT, Cisco, Analytics, App, Big Data, Cloud, Data-Driven Innovation, Digital Transformation, Digitaliani, Droni, Made In Italy, Mobile, Security, Start Up, Utility, Video

GoPro, la trimestrale delude: il futuro passa da droni e cloud

.@SkyTG24 #GoPro #Karma #Hero5 La società conta di risollevarsi con la action cam Hero5, ma dipendere da un solo prodotto è un rischio. Ecco perché tocca a realtà virtuale e software

GoPro affonda a Wall Street. Nel terzo trimestre la società specializzata in action cam ha registrato un fatturato di 240,5 milioni di dollari e una perdita netta di 60 centesimi per azione. Rispetto allo stesso periodo di un anno fa, quando le vendite …

Da @SkyTG24 – 04.11.2016

LEGGI TUTTO su SKY TG24

Si parla di: GoPro, droni, cloud, action cam, quadricottero, karma, hero5,

Ntt Docomo investe sui droni super-smart: dati analizzati in real time

L’americana PrecisionHawk offre software e servizi per raccolta, analisi e condivisione delle informazioni oltre alla sicurezza dei voli. Tra gli investitori anche Verizon: le telco guardano con attenzione a nuovi rami di business con utilizzo dei piccoli velivoli…

Da @Cor_Com di Patrizia Licata – 22.04.2016

LEGGI TUTTO su CORRIERE COMUNICAZIONI

Si parla di: Lancaster 5, intelligenza artificiale, Data Mapper, cloud, Low-Altitude Traffic and Airspace Safety Platform, Pathfinder, Federal Aviation Administration, FAA, Nasa, Ntt Docomo Ventures, Usaa, United Services Automobile Association, Yamaha Motor Ventures, raccolta dati tramite droni, sicurezza droni