Aeroporto, dalla Regione 4 milioni per progetto droni #corriereditaranto

Lo annuncia in una nota l’assessore regionale allo Sviluppo economico della Regione Puglia, Cosimo Borraccino

“Ammonta a più di quattro milioni di euro, a valere sul Programma operativo del Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr) 2014-2020, lo stanziamento regionale previsto nell’ambito di un apposito Contratto di programma varato con delibera di Giunta approvata, su mia proposta, nelle scorse settimane.

L’iniziativa è finalizzata all’attuazione, a Grottaglie (Taranto), di un importante progetto di investimento per la realizzazione di un Centro di eccellenza destinato allo sviluppo di tecnologie e competenze sui sistemi aerei a pilotaggio remoto (Sapr)“. Lo sottolinea in una nota l’assessore regionale allo Sviluppo economico della Regione Puglia, Cosimo Borraccino, spiegando che…

Da http://www.corriereditaranto.it – 08.03.2019

LEGGI TUTTO su CORRIERE DI TARANTO

Si parla di: test, droni, area sviluppo, innovazione, test, Grottaglie, Puglia, sistemi aerei a pilotaggio remoto, infrastruttura

Annunci

Droni, arrivano le norme UE: via le distinzioni tra velivoli, conterà solo il tipo di operazione .@TomsHWItalia

La Commissione europea, in accordo con l’EASA (Agenzia europea per la sicurezza aerea di cui fa parte anche la nostra ENAC), ha dato finalmente il via libera ai cosiddetti Implementing Acts, ossia le direttive dettagliate che regoleranno d’ora in poi il traffico aereo de droni.

Tra le novità più rilevanti, stop alla distinzione tra droni ludici e professionali e introduzione di alcuni profili operativi che stabiliranno diverse norme a cui tutti dovranno attenersi. In un prossimo futuro inoltre si pensa anche…

Da @TomsHWItalia di Alessandro Crea – lunedì 4 marzo 2019

LEGGI TUTTO su TOM’S HARDWARE ITALIA

Si parla di: Regolamento UE, europeo, Europa, EASA, droni, categoria, Open, Specific, Certified

Sicuri in montagna, ma soprattutto: attenti ai droni! .@CorriereAlpi

La quarta puntata della mini-serie web del Soccorso alpino CNSAS si occupa dell’utilizzo sempre più frequente dei droni a scopi amatoriali e del pericolo che costituiscono per l’elisoccorso.

D’altro canto, la stessa tecnologia dei droni è utilmente impiegata …

Da @CorriereAlpi – 28.02.2019

LEGGI TUTTO su CORRIERE delle Alpi – Video

Si parla di: elisoccorso, emergenze, protezione civile, soccorso in montagna, alta quota, rischio collisioni, droni, drone strike, normativa, no fly zone

La NASA inizia i primi test sul controllo del traffico dei droni .@focusTECHit

Il sistema ha lo scopo di mettere ordine nel “caos” dei cieli delle città, in netto ed evidente aumento, visto il crescente uso di appassionati, addetti ai lavori e militari
La NASA ha annunciato di aver scelto due organizzazioni per testare il suo UAS Traffic Management (UTM), il sistema di gestione del traffico dei droni che è stato sviluppato di recente.
Il primo test drive di questo sistema, la cui missione è “gestire in modo sicuro ed efficace il
traffico di droni in un’area urbana“, si svolgerà tra marzo e giugno di quest’anno, con un secondo piano sperimentale pianificato tra…
Da @focusTECHit di Federica Vitale – 23 Febbraio 2019
Si parla di: traffico aereo, droni, sense and avoid, controllo, gestione, UAS Traffic Management, UTM

Perché non dobbiamo temere i droni in Open: da dove viene la regola degli 80 Joule per volare senza patentino sulle persone e in città .@DronEzine

La possibilità di volare e lavorare in città e sulle persone, senza patentino ma solo con un test online, con droni da 900 grammi che sviluppano fino a 80 joule di energia in caso di impatto, scatena sui social ansie che non hanno nessuna ragione di essere, né dal punto di vista statistico (ce lo dicono i dati degli assicuratori) né dal punto di vista scientifico: il criterio degli 80 joule  non è stato scelto a caso ma ha una lunga storia accademica e di ricerca alle spalle. Ecco da dove viene.
Nelle regole europee che stanno arrivando, un lungo processo cominciato la scorsa estate e che si concluderà nel 2022, arriveranno nuovi obblighi (uno fra tutti la necessità di registrare tutti i droni e portare a bordo un transponder interrogabile in tempo reale dalle Forze dell’Ordine)…
Da @DronEzine di Luca Masali – 24.02.2019
Si parla di: regole EASA, droni, folla, assembramenti, categoria open, patentino, leggi, regolamento

Gran Bretagna, da marzo stop ai droni nelle vicinanze degli aeroporti

A partire dal prossimo 13 marzo in Gran Bretagna non si potranno più far volare droni intorno agli aeroporti. Come annunciato dal ministero dei Trasporti britannico, la zona di interdizione, che attualmente è di un chilometro, sarà, infatti, estesa a cinque.

La misura era stata anticipata lo scorso gennaio senza indicare una data di entrata in vigore ed è stata decisa in seguito ai forti disagi registrati, lo scorso dicembre, nel periodo di Natale, presso lo scalo londinese di Gatwick a causa molteplici avvistamenti di droni nell’area aeroportuale. Le numerose incursioni non…

Da #quifinanza – 20.02.2019

LEGGI TUTTO su QUI FINANZA

 

 

 

 

Si parla di: controllo spazio aereo, Inghilterra, Gran Bretagna, droni, aeroporti, ATZ, CTZ, Gatwick, no fly zone

Ecco come DJI cambierà le restrizioni per i droni vicino agli aeroporti (foto) .@smartworld_it

Lo scorso 20 dicembre il volo di un drone nella zona dell’aeroporto di Gatwick ha mandato in tilt la circolazione in uno dei momenti di massima congestione del traffico aereo. Sarà stato perché si trattava del secondo aeroporto per dimensioni di tutto il Regno Unito, o forse perché l’incidente è avvenuto sotto Natale o forse ancora perché non è il primo episodio del genere, DJI ha annunciato che cambierà le restrizioni geografiche per i suoi droni.
Il nuovo sistema si chiamerà GEO 2.0 e adotterà delle regole di geofencing tridimensionali. In poche parole in base alla dimensione dell’aeroporto ci saranno dei limiti per l’altitudine in linea con le piste di decollo e atterraggio. Quindi sarà ancora possibile far volare il proprio drone in alcuni punti purché…
Da @smartworld_it di Roberto Artigiani1 – 8/02/2019
Si parla di: DJI. geofencing, recinto elettronico, barriera, controllo spazio aereo, droni, tecnologia innovazione

Scm Sim investe nei droni .@Citywire_Italia

Scm Sim (in foto l’a.d Antonello Sanna) ha avviato un Club Deal per investire in Dronus, start-up italiana di droni ad uso industriale, specializzata nella tecnologia “drone-in-a-box”.

Dronus ha sviluppato una tecnologia innovativa, in fase di registrazione del brevetto, che fornisce un’autonomia totale ai propri dispositivi, garantendo un posizionamento preciso ed una assoluta automazione nelle fasi di decollo, atterraggio e gestione della batteria. L’operazione, realizzata in collaborazione con lo Studio Legale Chiomenti, prevede la costituzione da parte dei soci aderenti al progetto di una NewCo, che acquisirà…

Da @Citywire_Italia – 15.02.2019

LEGGI TUTTO su CITYWIRE

Si parla di: investimenti, sviluppo, tecnologia, drone in a box, droni, Dronus, Scm Sim

Le potenzialità di un drone nello studio di architettura e archeologia .@LoStradone

A spiegarle, Alessandro Paganelli, pilota SAPR, invitato dall’associazione Archeoclub d’Italia sede di Corato nel corso dell’incontro di ieri sera nella Sala Verde del Comune di Corato
Le potenzialità di un drone nello studio di architettura e archeologia
Incontro decisamente interessante quello organizzato sabato 16 febbraio nella Sala Verde del comune di Corato dall’associazione Archeoclub d’Italia sede di Corato. Invitato dal presidente Michele Iacovelli, il relatore Alessandro Paganelli, pilota SAPR, ha parlato di droni e del loro impiego in vari campi tecnici, spiegando nello specifico i vantaggi che scaturiscono dal loro uso in architettura e archeologia…
Da @LoStradone di Marina Labartino – 17 febbraio 2019
Si parla di: eventi, seminari, corso, droni, archeologia, architettura, rilievi, 3D, aerofotogrammetria, telerilievo, telerilevamento

A Cuneo “Scuola digitale” e innovazione con droni e robotica .@LaStampa

Dal 26 febbraio il capoluogo provinciale ospiterà per tre giorni la manifestazione itinerante «Futura». La candidatura è stata promossa dal liceo «Peano Pellico»
Dal 26 febbraio Cuneo per tre giorni ospiterà «Futura», manifestazione itinerante del ministero all’Istruzione su «scuola digitale» e innovazione. La candidatura è stata promossa dal liceo «Peano Pellico» (che ha presentato il programma), ma coinvolgerà le scuole di tutta la provincia per tre giorni di dibattiti, workshop, spettacoli, maratone di hacker da tutta Italia (i sempre più diffusi hackaton), sfide hi-tech tra studenti. E ancora robotica, droni, formazione per docenti e «animatori digitali»…
Da @LaStampa di LORENZO BORATTO – 12/02/2019
Si parla di: Futura, Cuneo, manifestazione digitale, ministero istruzione, droni, robotica, docenti, animatori digitali