#DJI #ZenmuseX7: #gimbal per #droni per #film in #6K

@fotodigitali DJI Zenmuse X7: gimbal per droni per film in 6K

“Adotta un sensore in formato APS-C da 24 megapixel che registra in video in formato Super 35 e un nuovo innesto proprietario per le ottiche (DL-Mount). Sarà in grado di registrare in formato 6K CinemaDNG Raw o 5.2K Apple ProRes a 30p e nei formati 3.9K CinemaDNG e 2.7K ProRes a 59.94p. DJI dichiara 14 stop di gamma dinamica.”

Il luogo del lancio parla chiaro sulla vocazione del nuovo modulo videocamera DJI Zenmuse X7: Hollywood. Il modulo formato da videocamera e testa cardanica motorizzata si inserisce nella scia dei modelli precedenti ed è compatibile con il drone DJI Inspire 2…

Da @fotodigitali di Roberto Colombo – 12 Ottobre 2017

LEGGI TUTTO su FOTOGRAFIDIGITALI.it

Si parla di: DJI, gimbal, droni, aerofotografia, fotografia aerea, foto da drone, fotografare dall’alto, alta definizione, 6K

Annunci

#DJI #ZenmuseX7 provata sul #passodelloStelvio con un #drone #Inspire2

@Quadricottero DJI Zenmuse X7 provata sul passo dello Stelvio con un drone Inspire 2

DJI ha scelto anche l’Italia per mostrare le capacità del nuovo gimbal camera Zenmuse X7.
Ormai è diventato un segreto di Pulcinella. Il misterioso prodotto che la DJI presenterà l’ 11 ottobre è il nuovo gimbal camera Zenmuse X7.

Niente di ufficiale, tuttavia in queste ore su youtube è stato pubblicato da un utente un video che sembra essere made in DJI, evidentemente sfuggito in qualche modo dalla factory cinese.

Il video mostra un Inspire 2 equipaggiato con la nuova Zenmuse X7, impegnato a riprendere 2 Porsche che percorrono il tratto di strada che…

Da @Quadricottero di Danilo Scarato – 07.10.2017

LEGGI TUTTO su QUADRICOTTERO News

Si parla di: nuovo gimbal camera Zenmuse X7, DJI, droni, riprese video, aerofotografia, fotografia aerea, riprese dall’alto, videoriprese da drone

#Milano, un #drone alla #poliziaLocale per #controllare meglio il #territorio

@repubblica Milano, un drone alla polizia locale per controllare meglio il territorio

Sarà collegato alle telecamere monitorate dalla centrale di piazza Beccaria e servirà ad aumentare il monitoraggio del territorio dando la possibilità di intervenire in tempo reale in situazioni di pericolo: Costo: 29mila euro

Un drone collegato alle telecamere della sicurezza, quelle che, già oggi, sono in rete tra loro, monitorate giorno e notte dalla centrale operativa di piazza Beccaria, per aumentare il controllo del territorio e la possibilità di intervenire in tempo reale in situazioni di pericolo. L’acquisto è stato appena deciso dal Comune come dotazione per la polizia locale e come ulteriore passo del progetto Smart city: 29mila euro (iva compresa) e un bando per trovare il fornitore del drone attraverso il mercato elettronico della pubblica amministrazione.

Sono passati dieci anni da quando l’allora vicesindaco e assessore …

Da @repubblica di ORIANA LISO – 06.10.2017

LEGGI TUTTO su REPUBBLICA.it Milano

Si parla di: monitoraggio territorio, controllo, operazioni di polizia, drone per controlli dall’alto, aerofotografia, fotografia aerea, sorveglianza del territorio

Come ti #investigo sugli #incidentiStradali con un #Mavic

@DronEzine Come ti investigo sugli incidenti stradali con un Mavic

Sebbene i droni siano fatti per volare liberi nel cielo, un destino beffardo sembra volerli tenere concentrati su quello che succede a terra, anche e soprattutto sulle strade.

Abbiamo già visto come siano stati impiegati lungo le (auto)strade francesi per segnalare veicoli che non rispettano il codice della strada (sorpassi a destra, superamento dei limiti di velocità, etc), ma qualcuno li usa con successo anche per le investigazioni e le ricostruzioni successive agli incidenti stradali. Perché? Perché si risparmia un sacco di tempo (e quindi di denaro), ma anche perché la prospettiva offerta dall’alto riesce a cogliere i diversi aspetti di cui le persone coinvolte, a causa dello shock o quantomeno dello…

Da @DronEzine di Edoardo Sorani – 29.09.2017

LEGGI TUTTO su DRONEZINE

Si parla di: rilievi incidenti stradali, monitoraggio luoghi, verifiche ambientali, rappresentazione dinamica di un incidente automobilistico, droni, aerofotografia, fotografia aerea

Spettacolari #immagini dal #Drone per l’ #AndreaBocelliShow al #Colosseo

@Quadricottero Spettacolari immagini dal Drone per l’Andrea Bocelli Show al Colosseo

Grazie ai droni si sono potute realizzare immagini uniche a bassa e media altezza, molte delle quali non ottenibili da altri mezzi o sistemi.

Spettacolari, emozionanti, a tratti da lasciare senza fiato, le immagini aeree trasmesse ieri sera dalla RAI in occasione dell’ Andrea Bocelli Show che si è svolto a Roma, al Colosseo. Accompagnate dalle musiche e canzoni di Andrea Bocelli con ospiti del calibro di Elton John, Renato Zero, Steven Tyler, solo per citarne alcuni, l’impatto delle riprese del Colosseo dall’alto è stato significativo ed hanno certamente contribuito a tenere alta per tutto il tempo…

Da @Quadricottero di Danilo Scarato 16.09.2017

LEGGI TUTTO su QUADRICOTTERO News

Si parla di: spettacolo, musica, aerofotografia, fotografia aerea, riprese dall’alto per televisione, rai uno, colosseo, roma, riprese con drone

#LegoHouse vista dai #droni – video

@icon_panorama @LEGO_Group Lego House vista dai droni

In attesa della prossima apertura il 29 settembre, lo studio danese BIG – Bjarke Ingels ci aggiorna con un video realizzato attraverso droni sul grande edificio della Lego House a Billund (Danimarca). Le riprese aeree, infatti, sono la descrizione più immediata del concept del progetto che cita i mattoncini Lego in grande scala. Letteralmente una “costruzione”, l’architettura è composta da 21 volumi parallelepipedi, da terrazzamenti che si compenetrano e da un coronamento che cita il mattoncino 2×4 in versione oversize. L’idea del salto di scala e che dalla piccola unità, il mattoncino, si possano costruire grandi cose è ciò che permea il progetto che, anche nelle planimetrie, è composto da moduli Lego ripetuti.

L’edificio di circa 12 mila mq vuole essere un “experience center” sul mondo Lego. È aperto al pubblico, con piazze coperte ai piani terra e aree a tema nei vari livelli. Sono attesi oltre 250 mila visitatori l’anno e ben 2.500 come picco nei week end. «La citazione del mattone Lego è stata incorporata nell’architettura in modo semplice ma ingegnoso e rende la creatività sistematica che sta al cuore di tutto il gioco», spiega Jesper Vilstrup…

Da @icon_panorama

LEGGI TUTTO su ICON DESIGN

Si parla di: LEGO House, Group, mattoncini colorati, costruzioni, sede Lego, giochi, giocattoli, design, riprese aeree con drone, aerofotografia, fotografia aerea, stato di avanzamento dei lavori

#Droni e #Webdesign – Come catturare l’attenzione dei visitatori

Droni e Webdesign – Come catturare l’attenzione dei visitatori

Tra le svariate applicazioni che si possono attribuire ai droni quella che preferisco resta la straordinaria e sorprendente caratura che delle semplici immagini scattate da un drone possono dare al design di un sito web.

Risulta incredibile come delle immagini aeree possano rendere il design di un sito web completamente differente e molto più accattivante rispetto a delle foto tradizionali.

Negli anni ho maturato un’esperienza tale per cui posso fermamente affermare che le immagini rivestono un luogo centrale nel fornire un’identità al nostro sito.

Scattando delle fotografie aeree oppure registrando dei video mentre si sorvola un parco renderà il tutto più interessante per l’utente finale.

I visitatori dei siti web prediligono le immagini e i video alle presentazioni con tanto di excursus storico dell’azienda, pertanto durante la fase di realizzazione dei miei progetti propongo sempre un servizio fotografico con il mio drone DJI Spark (Dalla breve esperienza che ho avuto posso consigliarvi di acquistarlo anche se ho notato notevoli limiti come la scarsa resistenza al vento).

Un altro limite notevole del drone DJI Spark è la scarsa durata della batteria. Seguendo le informazioni fornite da DJi dovrebbe durare 16 minuti ma effettivi sono circa 13 di conseguenza è indispensabile avere altre batterie sostitutive perché 13 minuti di volo sono davvero limitati.

L’applicazione è molto intuitiva e semplice da usare soprattutto in modalità beginner (che ha il limite però di non dare accesso alle funzioni di volo automatico come tap and fly, helix etc e non permette al drone di allontanarsi per più di 30 metri dal telecomando) ma non permette il volo senza gps.

Sono davvero di aiuto le modalità di volo automatico che permettono di fare riprese professionali anche senza avere alcun tipo di esperienza col volo o con qualsiasi tipo di drone, per questo motivo è consigliati ai neofiti che si approcciano per la prima volta al mondo dei droni.

Anche la gesture mode è davvero impressionante soprattutto per l’effetto quasi “fantascientifico” che suscita in coloro che la provano per la prima volta, perchè pilotare un drone attraverso il movimento delle mani non è cosa da tutti i giorni.

Nonostante tutto, questa funzione è abbastanza inutile perché oltre a suscitare stupore non è di grande aiuto, inoltre il drone non è waterproof e bisogna volare solo col bel tempo.

Ho notato inoltre una straordinaria solidità del telaio del drone che permettere di resistere ad urti modesti senza dare segni di cedimento o di rompersi, ed è sempre stato pronto e reattivo ai comandi da me impartiti.

Pilotando col wifi del telefono ad una altezza di circa 24 metri iniziava a perdere il segnale mentre a 30 metri si disconnetteva del tutto, col l’apposito telecomando invece si poteva spingere fino a circa 80 metri mantenendo un’ottima qualità dell’immagine.

Salendo ancora sopra gli 80 metri iniziava a dare scatti o comunque a mostrare una immagine non nitida. Tuttavia subito dopo l’uso non è possibile caricarlo finché non si raffredda, e questo credo sia lo svantaggio più grosso del drone, anche se per caricarsi completamente richiede un tempo di circa 80 minuti.

Essendo un drone piccolo e maneggevole mi risulta semplice entrare all’interno di capannoni senza dare troppo nell’occhio ed è perfetto per fare piccoli progetti o i selfie, sicuramente non è consigliabile per chi deve fare riprese lunghe in zone ventose, ma il rapporto qualità-prezzo è davvero ottimo.

Devo dire che la qualità dell’immagine è davvero ottima e anche la qualità video è davvero soddisfacente. Uscendo dalla modalità beginner diventa tutto più interessante anche i tempi di risposta del drone migliorano e la velocità di movimento può raggiungere fino a 50 km orari.

Il prezzo di circa 549 € è sicuramente un punto di forza di questo drone che però nonostante tutto presenta delle forti limitazioni.

Come accennato in precedenza le fotografie catturano immediatamente l’attenzione del visitatore ed un sito che mostra in bella vista delle foto aeree è in primis sinonimo di serietà ed inoltre lancia un messaggio importante, dicendo che l’azienda in questione ha una forte propensione all’innovazione ed è ben disposta ad investire in pubblicità ed immagine.

Luca Casali Web Designer è il nome del sito web e della pagina Facebook e in cui potrete trovare i progetti da me realizzati e le fotografie da me scattate col drone DJI Spark.

#Tutorial: come fare #belle #foto con un #drone

@wireditalia Tutorial: come fare belle foto con un drone

L’how to in undici punti del fotografo Lorenz Holder mostra come realizzare scatti perfetti sfruttando al meglio la location, la luce, la disposizione del soggetto inquadrato

La cooperativa di fotografi Cooph ha commissionato al fotografo Lorenz Holder un tutorial in undici punti che insegni ai fotografi non professionisti come realizzare foto di qualità scattate in volo con un drone.

L’how to di Holder si focalizza su elementi quali geometria, trame ripetute, uso delle linee, contrasti di luce o colore, costruzione originale dello scatto fotografico, criteri di scelta della location, selfie aereo, uso del…

Da @wireditalia ‏ di Alberto Motta – 23 AGO, 2017

LEGGI TUTTO su WIRED Italia

 

 

 

 

Si parla di: fotografia aerea, aerofotografia, fare foto con drone, fotografare dall’alto, imparare a fare foto, tutorial di fotografia

In #vacanza con il #drone: gli spettacolari video del #Parrot #Disco – La prova

@Digital_Day @Parrot In vacanza con il drone: gli spettacolari video del Parrot Disco – La prova

Abbiamo portato in vacanza un drone ad ala fissa e lo abbiamo usato, nel rispetto delle regole, per scattare video e foto panoramici dei posti più belli. Risultato fantastico, ma occhio alle regole.

Siamo seduti di fronte a Mont San Michel, posizione panoramica per scattare una foto all’abbazia contornata dal passaggio, e di fianco a noi ci sono decine e decine di turisti muniti di ogni mezzo per fare foto all’isola abbazia che ogni anno attrae milioni di visitatori.

C’è chi ha la reflex sul treppiedi e regola accuratamente i tempi di posa per scattare una foto al tramonto, chi ha una reflex in automatico e usa il flash (sigh), chi una videocamera normale, chi una GoPro in testa e chi usa invece il classico smartphone. Tutte foto e video che probabilmente…

Da @Digital_Day di Roberto Pezzali – 22/08/2017 08:4813

LEGGI TUTTO su DIGITAL DAY DDAY.it

Si parla di: Parrot Disco, drone ala fissa, tuttala, autonomia di volo, recensione, fotografia aerea, foto in formato RAW, aerofotografia

#Domus de #janas, #nuraghi e #like: l’#archeologia diventa #virale

@SardiniaPost Domus de janas, nuraghi e like: l’archeologia diventa virale

Mille like, altrettante condivisioni e oltre 141mila visualizzazioni su Facebook per le foto aeree del pozzo sacro di Santa Cristina, a Paulilatino; quasi 800 ‘mi piace’ per la domus de janas prenuragica ‘S’Incantu’ di Putifigari, poco meno per le spettacolari vedute della fortezza nuragica Santu Antine di Torralba: sono le immagini più viste e condivise sulla pagina Archeofoto Sardegna, spazio Facebook gestito dall’omonima associazione di Nicola Castangia e Maurizio Cossu, appassionati di fotografia e archeologia.

La pagina è una delle più attive tra i tanti spazi social che mettono in rete immagini e informazioni sul patrimonio archeologico sardo e con i suoi 20mila followers è anche tra le più seguite (qui il reportage completo di Sardinia Post sui sardi che si scoprono amanti del proprio immenso patrimonio antico). I due fotografi hanno…

Da @SardiniaPost – 15.08.2017

LEGGI TUTTO su SARDINIA POST

Si parla di: archeologia, droni, aerofotografia, fotografia aerea, telerilevamento, nuraghe, sardegna, camera funeraria di Putifigari, Santu Antine, Palmavera di Alghero