Visitatori infrangono il regolamento. Il drone sorvola le Domus degli Scavi #metropolisweb

POMPEI – Ha varcato indisturbato l’ingresso degli Scavi di Pompei con un grosso zaino nero in spalla. Ha poi raggiunto la Casa del Fauno, dove s’è liberato della borsa per estrarre un drone.
Visitatori infrangono il regolamento. Il drone sorvola le Domus degli ScaviL’ha fatto volare tra le domus effettuando riprese video e scattando foto, forse inconsapevole del regolamento che ne vieta l’uso. Un caso, l’ennesimo, che ha riacceso i riflettori sulla questione sicurezza nel parco archeologico tra i più visitati in Italia. Ha fatto discutere…
Da metropolisweb  di Teresa Palmese
Si parla di: volo non autorizzato, no fly zone, Pompei, scavi, parco archeologico, domus, sorvolo drone, regolamento,
Annunci

Sicuri in montagna, ma soprattutto: attenti ai droni! .@CorriereAlpi

La quarta puntata della mini-serie web del Soccorso alpino CNSAS si occupa dell’utilizzo sempre più frequente dei droni a scopi amatoriali e del pericolo che costituiscono per l’elisoccorso.

D’altro canto, la stessa tecnologia dei droni è utilmente impiegata …

Da @CorriereAlpi – 28.02.2019

LEGGI TUTTO su CORRIERE delle Alpi – Video

Si parla di: elisoccorso, emergenze, protezione civile, soccorso in montagna, alta quota, rischio collisioni, droni, drone strike, normativa, no fly zone

Allarme in Irlanda dopo intrusione drone, Governo annuncia misure .@travelnostop

Dopo che ieri pomeriggio un pilota ha avvistato un drone in prossimità dell’area di decollo e atterraggio dell’aeroporto di Dublino, lo scalo è rimasto chiuso per una trentina di minuti.

“Il pilota ha visto il drone e ha contattato la Iaa, che ha preso la decisione di sospendere le operazioni di volo”, ha spiegato la portavoce dello scalo, Siobhan O’Donnell, citata dall’agenzia britannica Pa. In totale tre aerei sono stati dirottati verso altri scali.

“E’ stata una situazione potenzialmente molto grave e illegale, da non prendere alla leggera”, ha aggiunto la portavoce, sottolineando come i droni possano causare “enormi danni agli aerei”.

Potrebbe essersi trattato di…

Da @travelnostop – 22.02.2019

LEGGI TUTTO su TRAVELNOSTOP

Si parla di: Irlanda, violazione spazio aereo, corridoio di atterraggio, decollo, volo, drone, no fly zone, regole ATZ, CTZ

Gran Bretagna, da marzo stop ai droni nelle vicinanze degli aeroporti

A partire dal prossimo 13 marzo in Gran Bretagna non si potranno più far volare droni intorno agli aeroporti. Come annunciato dal ministero dei Trasporti britannico, la zona di interdizione, che attualmente è di un chilometro, sarà, infatti, estesa a cinque.

La misura era stata anticipata lo scorso gennaio senza indicare una data di entrata in vigore ed è stata decisa in seguito ai forti disagi registrati, lo scorso dicembre, nel periodo di Natale, presso lo scalo londinese di Gatwick a causa molteplici avvistamenti di droni nell’area aeroportuale. Le numerose incursioni non…

Da #quifinanza – 20.02.2019

LEGGI TUTTO su QUI FINANZA

 

 

 

 

Si parla di: controllo spazio aereo, Inghilterra, Gran Bretagna, droni, aeroporti, ATZ, CTZ, Gatwick, no fly zone

Un drone in volo in piazza San Giovanni .@QuiNewsFirenze

Turisti irlandesi hano fatto volare un drone in piazza San Giovanni, fermati e denunciati dalla polizia municipale. Il drone è stato sequestrato
Sono arrivati in piazza San Giovanni e hanno iniziato a far volare un drone, probabilmente per riprendere dall’alto il Duomo e il Battistero. Peccato però che fossero sprovvisti delle necessarie autorizzazioni per questo la Municipale li ha bloccati e denunciati.
Si tratta di tre…
Da @QuiNewsFirenze – 12.02.2019
Si parla di: volo non autorizzato, permessi di volo, area congestionata, drone fly zone, no fly zone, area interdetta, CTZ, centro città, Firenze

Gli aeroporti italiani sono attrezzati per difendersi dai droni? .@corrierequotidiano

Il blocco dell’aeroporto di Gatwick del 19 dicembre, causato dal presunto avvistamento di droni nelle vicinanze della pista di decollo, sarebbe costato a EasyJet circa 18 milioni di euro, come riporta la compagnia aerea. In un rapporto l’azienda ha descritto l’aspetto economico della vicenda, nella quale il clima natalizio del secondo scalo più grande di Londra è stato rovinato da uno stop di 36 ore dell’hub, che ha portato alla cancellazione di più di mille voli e a disagi per migliaia di passeggeri.

A un mese dall’episodio – e a pochi giorni dall’arresto di un altro uomo trovato a pilotare un drone vicino al più grande aeroporto di Heathrow – “è sempre più evidente l’importanza di fare prevenzione, di stabilire protocolli d’azione e di…

Da @corrierequotidiano – 23.01.2019

LEGGI TUTTO su CORRIERE QUOTIDIANO.it

Si parla di: sicurezza, aerei, ATZ, CTZ, corridoio, spazio aereo, drone strike, regole, no fly zone,

Scontro drone-elicottero: decreto d’accusa per un 42enne .@laregione

Accertamenti di natura penale conclusi. La collisione era avvenuta nel maggio scorso in Valle Verzasca sopra l’omonima diga.

In relazione alla collisione tra un drone e un elicottero avvenuta il 25 maggio 2018 in Valle Verzasca, sopra l’omonima diga, il Ministero pubblico ha fatto sapere che si è giunti a conclusione degli accertamenti di natura penale. Il procuratore pubblico capo Arturo Garzoni ha in particolare emanato un decreto di accusa nei confronti di un 42enne cittadino svizzero domiciliato nel canton Lucerna. Le ipotesi di reato nei …

Da @laregione – 22.01.2019

LEGGI TUTTO su LA REGIONE

Si parla di: cronaca, reato, collisione, drone, elicottero, impatto, drone strike, volo non autorizzato, corridoio aereo, no fly zone

INDRA: testato con successo lo scudo anti-droni. Pronta la protezione degli aeroporti .@lamiafinanzait

La presenza di droni ha portato questo Natale alla chiusura di aeroporti come quello di Gatwick, causando disagi a migliaia di passeggeri e danni economici stimati in milioni di sterline. La stessa situazione si è ripetuta recentemente a Heathrow per un’ora, accendendo i riflettori del mondo intero sulla sempre maggiore necessità di sistemi anti-drone per le infrastrutture chiave di una nazione.

Tra i primi player sul mercato ad offrire soluzioni utili a proteggere un aeroporto o qualsiasi altro spazio contro i droni che volano senza autorizzazione vi è Indra, società globale di consulenza e tecnologia, che ha messo a punto uno scudo intelligente chiamato ARMS (Anti Multisensor System RPAS) che rileva la presenza di questi aerei a chilometri di distanza neutralizzandoli …

Da @lamiafinanzait – 21.01.2019

LEGGI TUTTO su LA MIA FINANZA

Si parla di: sistema anti drone, neutralizzare droni, proteggere aeroporti, ATZ, CTZ, no fly zone

Transport Canada annuncia nuove regole e restrizioni per operazioni avanzate .@DronEzine

Anno nuovo, regole nuove. Nessun brusco risveglio per i dronisti canadesi, ma la consapevolezza che, tra circa sei mesi, entrerà in vigore un nuovo regolamento per volare coi droni.
Dopo la stretta annunciata in UK e i provvedimenti di sicurezza previsti in Australia, parte del mondo guarda agli emendamenti previsti alla normativa canadese per capire se anche il paese dello sciroppo d’acero sarà stato influenzato dal caso Gatwick.
Vediamo allora insieme quali sono i capisaldi del futuro regolamento canadese sui droni che l’Authority competente, Transport Canada, ha specificato…
Da @DronEzine di Edoardo Sorani – 17.01.2019
Si parla di: regole, volare in Canada con drone, autorità competente, spazio aereo, no fly zone

Rischio droni, l’Australia adotta un piano di prevenzione .@ilmessaggeroit

I recenti allarmi scattati all’Aeroporto di Londra Gatwick, provocati dalle interferenze di droni, ha indotto l’autorità di aviazione civile australiana CASA, a redigere un piano di prevenzione e attuare specifiche contromisure negli scali del vasto Paese-continente. 
I responsabili del controllo e della sicurezza degli aeroporti saranno dotati di una attrezzatura che permette di identificare il drone, il suo numero di serie e la posizione remota del pilota…
Da @ilmessaggeroit – 04.01.2019
Si parla di:  sicurezza, controllo aereo, Australia, droni, no fly zone