Consumi, Findomestic: Pil asfittico, ma le famiglie comprano droni

Nella percezione delle famiglie sembrano contare poco o nulla le sistematiche revisioni al ribasso della crescita del Paese. La fiducia dei consumatori si mantiene stabile e, al di là di ogni allarme internazionale, stabile è il sentiment sulla situazione economica italiana.
Lo rileva l’Osservatorio Findomestic che da anni (in collaborazione con Prometeia) monitora i comportamenti e la propensione al consumo delle famiglie. Intanto, il nostro consumatore “connesso” come lo definisce Claudio Bardazzi, responsabile dell’Osservatorio Consumi di Findomestic, compra ogni genere di marchingegno tecnologico purché sia costoso e avanzato. Entrano i primi robot nelle case italiane, i primi droni, mentre si guarda ancora con sospetto all’auto elettrica perché le famiglie non sono ancora sicure che quella sarà l’innovazione vincente del nostro futuro.
Bardazzi, quanti sono gli italiani che ricorrono al credito al consumo?
Secondo i dati Assofin, negli ultimi cinque anni il credito al consumo ha avuto un incremento costante che ha accompagnato la crescita dei consumi a livello nazionale. Nel 2018 la cifra si aggira sui …
Da http://www.stamptoscana.it di Laura D´Ettole –  27 Marzo, 2019
Si parla di: tecnologia, credito al consumo, Findomestic, studio, studi, acquisto, rate, debito,
Annunci

Come non far temere i droni agli animali? L’assuefazione potrebbe funzionare .@OggiScienza

I droni permettono di arrivare praticamente ovunque: una bella comodità per chi studia il comportamento animale. Se però l’“oggetto” delle ricerche mostra stress o paura, la cosa non funziona: secondo i ricercatori dell’Università del Minnesota abituarli alla presenza dei dispositivi in volo potrebbe essere una soluzione e, dai primi studi, sembra funzionare.

Il venerdì casual della scienza – A novembre era diventato virale il video del cucciolo d’orso che scivolava lungo una scarpata innevata: il piccolo prova e riprova, fino a che non riesce a raggiungere la madre. Immagini tenere, commoventi, per molti anche motivazionali. Però, c’è un però. Sì, perché secondo gli esperti, è stato proprio il drone che girava il video a mettere in fuga gli orsi. Questi dispositivi sono sempre più utilizzati, anche a fini di studio, ma se spaventano gli animali …

Da @OggiScienza Giulia Negri – 18 Gennaio 2019

LEGGI TUTTO su OGGI SCIENZA

Si parla di: animali, studio, salvaguardia, ambiente, protezione, fauna protetta, controllo del territorio, monitoraggio

DelFly Nimble, il robot che vola come un insetto .@breakingtechit

Il DelFly Nimble è un progetto che ha sviluppato la Delft University of Technology nei Paesi Bassi, lo scopo del progetto consiste nella creazione di un robot perfettamente funzionante che vola esattamente come volerebbe un vero insetto.
Caratteristiche e funzionamento
Il robot è in grado di librarsi in aria in qualsiasi direzione (su, giù, avanti, indietro o di lato), a differenza dei suoi predecessoriche sono controllati come un aeroplano convenzionale tramite deviazioni delle superfici di controllo posizionate sulla coda o dietro le ali, il DelFly Nimble non ha una coda né tali superfici di controllo. Quest’ultimo è controllato da regolazioni di movimento ispirate agli insetti, quindi utilizza…

Da @breakingtechit – 

LEGGI TUTTO su BREAKINGTECH.it

Sito web Delft University of Technology

Si parla di: drone, replicare i movimenti degli insetti, studio, ricerca scientifica

#Droni più pericolosi degli uccelli per gli aerei: la FAA lancia l’allarme .@repubblica

“Droni più pericolosi degli uccelli per gli aerei”: la FAA lancia l’allarme

L’autorità dei cieli statunitense è preoccupata: la maggior parte dei velivoli senza equipaggio sono fatti da materiali più rigidi rispetto alla struttura dei volatili, e sono una minaccia maggiore anche a parità di dimensioni

MILANO – Per gli aerei possono essere più pericolosi i droni degli uccelli: a lanciare l’allarme è la Federal Aviation Administration (FAA), l’autorità dei cieli statunitense. Secondo uno studio ASSURE, un consorzio di università americane, la maggior parte dei velivoli senza equipaggio sono fatti da materiali più rigidi rispetto alla struttura dei volatili, e sono una minaccia maggiore anche a parità di dimensioni. E così, grazie a diversi test, è stato evidenziato che alcuni componenti dei droni, come il motore o la batteria, possono causare danni strutturali…

Da @repubblica di GIANLUCA BRIGATTI – 05.12.2017

LEGGI TUTTO su LA REPUBBLICA.it

Si parla di: sicurezza volo, drone strike, bird strike, impatto drone con aereo, test, studio, assure

Collisione #drone vs aereo, uno studio rivela cosa succede .@DronEzine

Collisione drone vs aereo, uno studio rivela cosa succede

L’ormai annosa questione di quanto sia realmente pericolosa per un aereo la collisione con un drone si è recentemente arricchita di un nuovo interessante capitolo. La Federeal Aviation Administration (l’ENAC Americana) ha infatti svelato i risultati di uno studio che ha avuto ad oggetto le conseguenze dell’impatto tra aerei e droni, valutate in diverse circostanze attraverso dei software di simulazione.

La ricerca è stata realizzata dall’ASSURE (Alliance for System Safety of UAS through Research Excellence), una coalizione formata da istituti di ricerca e partner commerciali/governativi in tutti gli USA che si occupa di fornire alla FAA i risultati, i dati e le analisi delle sue ricerche nel campo UAS(Unmanned Aerial Systems) allo scopo di facilitarne l’integrazione sicura ed efficiente nello spazio aereo americano.

Mediante delle complesse simulazioni al computer, i ricercatori hanno potuto valutare le conseguenze fisiche

Da @DronEzine di Edoardo Sorani – 01.12.2017

LEGGI TUTTO su DRONEZINE

Si parla di: impatto droni contro aerei, controllo aereo, studio, ricerca, Assure, apr, impatti droni, drone strike

#SpiderMAV: il #prototipo di #drone che si crede l’ #UomoRagno

@HDblog @imperialcollege SpiderMAV: il prototipo di drone che si crede l’Uomo Ragno

I droni per il mercato consumer sono ormai diventati piuttosto bravi a volare, ma stare fermi a mezz’aria è tutto un altro discorso. Purtroppo le correnti non sono così facili da controbilanciare, e i droni devono sprecare tantissima energia per rimanere il più fermi possibile e garantirci riprese di buona qualità.

I ricercatori dell’Imperial College London hanno studiato una soluzione piuttosto originale che potrebbe quantomeno…

Da @HDblog 10.10.2017

LEGGI TUTTO su HDBlog.it

Si parla di: SpiderMav, drone con cavi a sgancio rapido, magneti, ancoraggio a mezz’aria, ricerca, università, studio