Conclusa a Piacenza la convention di Rescue Drone Network .@DronEzine

E’ terminata ieri sabato 13 ottobre la convention inaugurale con annessa assemblea costitutiva di Rescue Drone Network, una rete di operatori di droni, e altre figure professionali che spaziano tra il settore medico/sanitario, esperti di Protezione Civile e altre istituzioni pubbliche ideata da Gran Francesco Tiramani.

Un convegno interessante che ha coinvolto esperti di geofisica e vulcanologia, Polizie Locali, alcuni deputati o senatori e naturalmente esponenti della Protezione Civile e di alcune ASL.
Durante la mattinata si sono svolte le questioni burocratiche e associative e dal pomeriggio sino aperti i dibattiti e alcune dimostrazioni live sul possibile utilizzo del drone progettato da ABZero per il trasporto di sangue da un sito ospedaliero all’altro…

Da @DronEzine di Stefano Orsi – 14.10.2018

LEGGI TUTTO su DRONEZINE

Si parla di: sicurezza, protezione civile, emergenze, drone ambulanza, trasporto sangue, prevenzione, monitoraggio, controllo territorio, soccorso

Annunci

Drone Rescue Days. L’evento sui droni per la ricerca dei dispersi in ambito civile.

29-30 settembre 2018 – Parco San Donato di Novoli, Firenze

Firenze – 14.09.2019 Drone Rescue Day, l’evento dedicato ai droni professionali impiegati nella ricerca dei dispersi in ambito civile. Si svolgerà il 29 e 30 settembre 2018 all’interno del “Florence Fun & Japan 2018” in un area di circa 50.000 mq appositamente allestita nel Parco San Donato di Novoli a Firenze.

Lo scopo dell’evento è quello di sensibilizzare la popolazione sulle reali potenzialità degli aeromobili a pilotaggio remoto cercando di mettere in evidenza la differenza tra un drone giocattolo (Aeromodello) e un mezzo professionale (Sistema Aeromobile a Pilotaggio Remoto) attraverso la presentazione al pubblico dei SAPR configurati per il soccorso, durante alcune simulazioni di intervento in programma al Drone Rescue Day.

Droni come strumenti di lavoro estremamente utili e indispensabili, sempre più impiegati anche in ambiti di protezione civile per la prevenzione dei disastri e delle calamità naturali, nel soccorso, nel rilievo e nel monitoraggio degli edifici e delle infrastrutture strategiche come ponti, dighe, strade, autostrade, elettrodotti, viadotti e ferrovie.

Questo evento offrirà inoltre, a tutti i professionisti e appassionati del settore, un’occasione di incontro e di confronto sulle normative vigenti e sui nuovi settori d’impiego dei SAPR con degli incontri ad entrata libera promossi da Giuseppe Ramalli, istruttore, pilota e fondatore del centro di addestramento Etruria Volo di Castiglion fiorentino (AR), che oltre ad essere il conduttore degli interventi, opererà con la sua flotta di droni configurati per la ricerca di persone.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Sarà presente anche il Dott. Fabrizio Niglio, direttore delle unità di Immunoematologia e Trasfusione a Pontedera, che con questa importante frase; “Un mezzo che porti il sangue dove serve in modo semplice e veloce, è un progetto semplicemente rivoluzionario”, ha sancito l’inizio di una nuova era per i droni nell’ambito del soccorso, con il progetto ABZERO.

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’idea di progetto prevede la realizzazione di un drone dedicato per l’approvvigionamento, il trasporto e lo spostamento in emergenza di sangue, emoderivati, medicinali o attrezzature tra strutture sanitarie in orari 24 ore al giorno e 7 giorni su 7, sul corto e medio raggio (fino a 40 km). Il drone sarà completamente automatizzato nel decollo, nella percorrenza e nell’atterraggio. Si potranno gestire e controllare tutte le operazioni da un’app. Il drone permetterà di ridurre i tempi di trasporto fino all’80% sulle brevi distanze (10/15 km) e oltre al 50% sulle medie distanze (30/40km). Il drone ABZERO-X© sarà sicuro e assicurerà un trasporto veloce, efficiente e preciso e sarà dotato di sistemi di sicurezza come il paracadute in caso di avaria. “Ha colpito tutti la possibilità di raggiungere rapidamente luoghi difficili mantenendo la sicurezza della conservazione del sangue e delle piastrine” un servizio quindi in “rapidità e sicurezza”.

Sarà allestita nel parco San Donato di Novoli a Firenze, un’area operativa con un campo base, un gruppo cinofilo, un gruppo di soccorso in corda, un PMA (Punto Medico Avanzato) operativo e un’esposizione di alcuni mezzi di soccorso, tutto gentilmente concesso dalla Misericordia di Firenze che insieme a Massimo Serravalli, provveditore della Misericordia di Rifredi, hanno creduto in questo progetto.

La stessa Misericordia organizzerà delle stazioni di dimostrazione pratica di BLSD, (Basic Life Support and Defibrillation), primo soccorso con l’impiego di defibrillatore semiautomatico e la Coordinamento Fiorentino delle Misericordie metterà in campo il progetto “ASSO”, una scuola di soccorso dedicata agli studenti di ogni ordine e grado.

Una due giorni dedicata al poco conosciuto mondo del soccorso, aperta a tutti i cittadini che volessero saperne di più, con postazioni di osservazione delle operazioni che saranno effettuate, personale volontario disponibile a rispondere a domande e incontri rivolti a professionisti, studenti o semplicemente a chi vorrà saperne di più.

Ideatore e organizzatore responsabile dell’evento:
Simone Vignoli
E’ stato soccorritore presso la Misericordia di Empoli e operatore volontario di protezione civile.

Contatti:
Tel. 3927673613
E-Mail: info@dronerescuedays.it
Facebook: https://www.facebook.com/Drone-Rescue-Days

Partners dell’evento:

 

 

Il sangue per trasfusioni si trasporta con il #drone .@TirrenoProvPisa

Il progetto, tra i primi al mondo, è di una spin-off della Scuola Sant’Anna in collaborazione con l’ospedale di Pontedera: volo dimostrativo a giugno
PONTEDERA. Il trasporto di sangue da un ospedale a un altro potrebbe varcare presto una nuova frontiera. Grazie a una spin-off della Scuola Sant’Anna, all’Istituto di Biorobotica di Pontedera.
È la Ab-Zero dei molisani Giuseppe Tortora e Andrea Cannas che hanno ideato un contenitore da agganciare a un drone commerciale, di grosse dimensioni, in cui inserire sangue, plasma e piastrine, tenendo sotto controllo da remoto i prodotti emoderivati e assegnando una rotta al drone. È la capsula intelligente, anzi la capsula smart. Una sorta di piccolo frigorifero che può essere regolamentato a distanza. Per il sangue, infatti, la temperatura mantenuta nel contenitore oscilla tra …
Da @TirrenoProvPisa – 11.05.2018
Si parla di: ingegneria, robotica, sant’anna, pontedera, pisa, drone per emergenze, trasporto sangue, drone ambulanza