Aeromodellismo vero dovrà svolgersi nei campi volo a parte i voli in pendio con alianti < 10kg .@Quadricottero

Ecco cosa prevede il regolamento europeo per l’aeromodellismo vero.
Questo concetto è stato confermato ieri con l’approvazione degli atti di implementazione. Sono state dettagliate meglio alcune regole. Inoltre, è stato concesso l’uso degli alianti radiocomandati in pendio purchè pesino meno di 10kg e non volino a più di 120m di altezza rispetto alla posizione del pilota. Invece, tutti gli altri mezzi delle open category dovranno rispettare i 120m di altezza rispetto al suolo…
Da @Quadricottero di Danilo Scarato – 01.03.2019
Si parla di: aeromodellismo, regole, UE, Europa, regolamento europeo
Annunci

Eurodelirio a pilotaggio remoto di Sergio A. Barlocchetti

Datemi pure del bastian contrario, ma fossi stato all’Europarlamento il 12 giugno scorso avrei votato NO alle linee guida del regolamento comunitario in materia di velivoli a pilotaggio remoto.

La divisione in troppe classi, il limite degli 80 Joule, la sicurezza intrinseca delle macchine volanti, sono fattori destinati a una rapidissima evoluzione verso dimensioni minori e prestazioni migliori. Dunque trovo perfettamente inutile fissare così tanti paletti per poi doverli cambiare già entro un paio d’anni. Certamente delle nuove normative saranno felici i produttori, come ha sottolineato Paula Iwaniuk dell’associazione produttori di droni DMAE, ma queste nascono con un peccato originale già sperimentato nell’aviazione maggiore.

Più precisamente, nascono per garantire il massimo della sicurezza e non il reale e organico sviluppo del settore con le sue reali potenzialità e infinite declinazioni. In pratica è l’ennesimo regolamento generato dalla paura dei politici e giustificato con la loro preoccupazione per la nostra salute, ma…

Da http://www.mirumir.it/ di Sergio A. Barlocchetti – 13.06.2018

LEGGI TUTTO su MIRUMIR.it

SI parla di: europarlamento, regolamento europeo, regole droni, UE, regole comunitarie, aviazione minore, aeromodellismo, EASA

#Droni in Europa, il parlamento EU approva il regolamento unico .@DronEzine

Accordo quasi all’unanimità per l’approvazione del nuovo regolamento europeo sui droni civili: sono stati 558 i voti favorevoli, 71 contrari e 48 astensioni. Ma le regole ora devono essere approvate dai ministri dell’UE.

Il regolamento europeo ha come obiettivi primari:

  • il mantenimento di un livello di sicurezza comune in tutta l’UE
  • la certezza giuridica per aiutare a stimolare lo sviluppo del mercato
    un insieme di regole di sicurezza dell’aviazione modernizzate per affrontare nuove sfide
  • I deputati hanno sostenuto nuove norme a livello UE per garantire l’uso sicuro dei droni e per aggiornare le norme sulla sicurezza aerea.

Qualche ora addietro i membri del Parlamento Europeo hanno approvato un accordo raggiunto tra i negoziatori del Consiglio e del Parlamento iniziato ancora nel novembre 2017, sulla armonizzazione e i  principi generali a livello UE per i droni e gli operatori dei droni al fine di  garantire un livello comune di sicurezza e offrire agli operatori e ai costruttori la prevedibilità di sviluppare prodotti e…

Da @DronEzine di Stefano Orsi – 12.06.2018

LEGGI TUTTO su DRONEZINE

Si parla di: regole droni, europarlamento, UE, uso dei droni in europa, regolamento unico

UE | U-Space il progetto europeo per il controllo del traffico aereo per droni fino a 150 metri di altezza

@rivistageomedia #U-Space il #progetto #europeo per una #regolamentazione #universale dei #droni

L’Unione europea vuole iniziare a regolare seriamente i droni. Finora, il regolamento è stato, in molti casi, limitato a un uso professionale di questi velivoli senza pilota. Ma l’Unione vuole standardizzare almeno la base comune per la registrazione e la gestione aerea della maggior parte dei droni.

Il testo è stato presentato dalla Commissione, e si prevede che entri in vigore nel 2019 per attendere alcune modifiche richieste da alcune questioni che sono state appositamente rivendicate dagli Stati in passato, tra cui l’altezza della clearance di volo, ad esempio.

A questo proposito, il testo prevede la creazione di un controllo del traffico aereo comunitario automatizzato, chiamato U-Space, applicabile a tutti i droni volanti fino a 150 metri di altezza.

A seguito di una richiesta della Commissione europea, la Single European Sky Air traffic management Research Joint Undertaking, il cui ruolo è quello di sviluppare il sistema europeo di gestione del traffico aereo di nuova generazione, ha…

Da @rivistageomedia di Renzo Carlucci – 02.07.2017

LEGGI TUTTO su GEO for ALL Rivista GeoMedia

Si parla di: UE, U-Space, progetto europeo, controllo del traffico aereo, droni fino a 150 metri di altezza, regolamento, easa, volare con i droni

Traffico droni. Ue traccia piano gestione per la sicurezza

@avionews #Aerei. #Ue traccia #piano #gestione #traffico #droni a diverse #quote, e di #sicurezza

Bruxelles, Belgio – E nel rispetto dell’ambiente. I principi fondamentali

A seguito di una richiesta della Commissione europea (Ce), il Single European Sky Air traffic management Research Joint Undertaking (Sesar Ju) -il cui ruolo è quello di sviluppare il sistema europeo della gestione del traffico aereo (Atm) di nuova generazione- ha presentato oggi il suo progetto per l’uso di droni (Uav, Unmanned Aerial Vehicle, aerei senza pilota a controllo remoto) nello spazio aereo a bassa quota in modo sicuro e rispettoso dell’ambiente. Questo “U-Space” copre quote fino a 150 metri ed aprirà la strada per lo sviluppo di un mercato forte e dinamico dei servizi di rifornimento dell’Ue.

La registrazione di droni ed operatori, la loro identificazione elettronica ed il “recinto virtuale” (geo-fencing) dovrebbero avvenire entro il 2019. Il documento di visione di oggi fa parte dell’impegno della Commissione di fornire la sua ambiziosa strategia dell’aviazione e di liberare il pieno potenziale economico degli Uav.

Tutto ciò richiede un quadro legislativo efficace che possa favorire la leadership europea e la competitività, affrontando una serie di …

Da @avionews – 16.06.2017

LEGGI TUTTO su AVIONEWS

Si parla di: Traffico droni, Ue, piano gestione per la sicurezza, ATM, spazio aereo, regole eurpoee, droni in europa,

Sicurezza droni. In arrivo il piano europeo per la gestione dello spazio aereo

@ansaeuropa #Ue delinea #piano #gestione #spazio #aereo per #sicurezza #droni

Altezza fino a 150 metri, operativo entro 2019

Sicurezza e automazione per rendere possibile l’utilizzo dei droni nello spazio aereo sino a 150 metri entro il 2019. E’ l’obiettivo del piano presentato dal Single European Sky Air traffic management Research Joint Undertaking, la partnership pubblico-privata fondata dall’Ue e da Eurocontrol, a cui la Commissione Ue ha dato mandato di definire i criteri principali per la gestione dello spazio aereo inferiore dove dovranno operare i droni commerciali.

Tre i principi guida.

Primo, la sicurezza: l’intenzione è sviluppare un sistema di gestione del traffico aereo simile a quello dell’aviazione tradizionale.

Secondo, l’automazione:

Da @ansaeuropa – 16.06.2017

LEGGI TUTTO su ANSA.it Europa

Si parla di: Sicurezza droni, piano europeo, gestione dello spazio aereo, ATM, Single European Sky Air traffic management Research Joint Undertaking, UE, regole europee

Brexit: cosa cambia per l’aviazione e per i droni? Corso di formazione executive Luiss a Roma il 9 giugno

@DronEzine @UniLUISS #droni #regole #brexit L’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea ha un impatto profondo sul mondo dell’aviazione, di cui fanno parte a pieno diritto anche i droni (e non sempre è una cosa positiva). La Luiss School of Law propone per il 9 giugno prossimo un seminario di approfondimento sugli scenari che si aprono con il grande addio di Theresa May…

Da @DronEzine di Luca Masali – 27.05.2017

LEGGI TUTTO su DRONEZINE

Si parla di: Brexit, cosa cambia per l’aviazione e per i droni? Corso di formazione executive Luiss a Roma il 9 giugno, eventi, seminatio, inghilterra, gran bretagna, unione europea, ue

Promosso SHERPA: il sistema che combina l’azione di soccorritori, droni e robot è stato valutato positivamente dall’UE

.@MeteoWeb_eu #SHERPA è un sistema a servizio dei soccorritori basato sull’uso di #droni, #robot, #aereomodelli ad ala fissa

Un grande apprezzamento, soprattutto per l’integrazione tra tecnologie e competenze scientifiche: questo il responso del Final Review Meeting del progetto SHERPA (Smart collaboration between Humans and ground-aErial Robots for imProving rescuing activities in Alpine environments), che si è svolto a Davos lo scorso fine settimana. SHERPA è un sistema a servizio dei soccorritori basato sull’uso di droni, robot, aereomodelli ad ala fissa: il suo obiettivo è raggiungere luoghi oggetto di slavine in pochi minuti e localizzare i dispersi travolti dalla neve, mentre sistemi alternativi impiegano ore o sono addirittura inagibili in alcune situazioni. Un’innovazione tecnologica con alte finalità sociali, visto l’incremento di…

Da @MeteoWeb_eu di Filomena Fotia – 8 marzo 2017

LEGGI TUTTO su METEOWEB

Sito web progetto SHERPA

Si parla di: SHERPA, sistema, soccorritori, droni, robot, UE, soccorso alpino, protezione civile, robotica, ricerca, monitoraggio luoghi

L’Ue ha paura dei robot? In arrivo legge per evitare il sopravvento sull’uomo

.@Key4biz #Droni #robot #Bruxelles ha votato una relazione sulla ‘robotica’: fissare regole per evitare sia robot in grado di ‘uccidere essere umani’ sia una de-umanizzazione di alcuni lavori. Per la legge si attende il voto dell’Europarlamento.

Dopo averli progettati, realizzati e resi anche un po’ umani ora l’uomo ha paura dei robot. L’ha scritto in maniera esplicita la Commissione Affari giuridici del Parlamento europeo, che con questa relazione chiede all’Unione Europea norme legali ed etiche affinché i robot-badanti, per esempio, talmente…

Da @Key4biz di Luigi Garofalo – 16.01.2017

LEGGI TUTTO su KEY4BIZ

Si parla di:  Ue, paura dei robot? legge, evitare il sopravvento sull’uomo, leggi robotica, Isaac Asimov, droni, intelligenza artificiale,

CIVOPS2016 DRONE EUROPEI UN BEL MATCH

.@sapritalia #Droni, il cambiamento radicale di metodo nell’elaborazione delle regole europee

Il #CivOps2016 sarà probabilmente ricordato per essere stato quello del cambiamento radicale di metodologia nel fare delle regole e di legiferare in generale.  Fino all’ultimissimo si è discusso di cambiare il classico modo di legiferare dall’alto verso il basso con la commissione Europea. L’Italia è stata rimessa al centro della scacchiera grazie alla forte presenza congiunta delle associazioni e delle autorità. Gli rappresentati Italiani al convegno, hanno …

Da @sapritalia di Olivier Fontaine – 08.12.2016

LEGGI TUTTO su SAPRITALIA

Si parla di: Regole europeee droni, UE, EASA, ENAC, UVS, regolamento droni,